Il pouf fai da te con il riciclo creativo


Il pouf è l’oggetto di cult in molte camere dei ragazzi e può essere realizzato con il fai-da-te utilizzando tranquillamente del materiale da riciclo. Che cosa? Prima di tutto ci vuole della stoffa per creare il grande sacco che si trasformerà in poltrona. Se ve la cavate con la macchina da cucire, potreste giocare sul patchwork, altrimenti prendete una stoffa a tinta unita, semplice.

Per l’occasione potreste usare delle vecchie tende, delle tovaglie (magari se hanno una fantasia un po’ divertente e giovanile), ma anche un copriletto colorato. Insomma, se avete in casa dei tessuti destinati a diventare presto stracci, sappiate che possono davvero avere una nuova vita con questo progetto.

Per strutturare il pouf, prendete la stoffa. Ritagliate un cerchio di circa un metro di diametro e poi tre spicchi da 1,5 metri d’altezza. Per la base prendete la circonferenza e dividetela in tre, ogni spicchio deve coprirne una parte. Ora cucite i pezzi insieme, ricordandovi di prevedere su un lato una lampo, per far entrare l’imbottitura.

Con che cosa si può imbottire? Potreste raccogliere del polistirolo espanso. Si può comperare, ma se volete veramente riciclare il consiglio è quello di conservarlo un po’ alla volta. Spesso è presente in imballaggi (magari chiedete agli amici di tenervene). Oppure potreste utilizzare un miscuglio di materiali, come degli stracci vecchi, del cotone, l’imbottitura di un divano che state per portare in discarica o di un vecchio materasso di lana. Il bello dei pouf è proprio che possono essere costruiti come desiderate voi, senza regole precise.

Foto| Flickr
Via| Comefare

  • shares
  • Mail