Sienna Miller in guerra con le donne


E' semplicemente mancanza di solidarietà o piuttosto rivalità femminile che spinge le donne a non fare gruppo ed osteggiarsi? Ce li siamo chieste a più riprese, nonostante gli sforzi individuali o collettivi non riusciamo a far scattare tra donne lo spirito di gruppo, di cui sanno far uso - e pure abuso - gli uomini. E' anche quello che pensa Sienna Miller, la giovane attrice inglese spesso reginetta delle cronace scandalistiche, che ha dichiarato di essere "in guerra" con le donne.

Dal sito di Celebrityspotlight il testo della "dichiarazione di guerra" riporta:

"Senza dubbio sono stata in guerra con le donne. Negli anni ho sentito il peso del loro giudizio, sono le donne che giudicano, sono le donne a frenarci. Lo trovo triste, diciamo di volere la parità ma gli uomini non si mettono a dir male l'un con l'altro come fanno le donne. C'è molta competizione tra donne e non esiste lo spirito di sorellanza"

Tutto abbastanza vero, anche se devo aggiungere che il motivo scatenante per questa dichiarazione è stato l'abbandono di molte fan donne nei confronti di Sienna, complice di adulterio con Balthazar Getty, attore americano sposato e padre di quattro bambini.

Prendendo a modello la vicenda di Sienna Miller, è lei il prototipo della rovinafamiglie che non ci pensa su a buttarsi in una relazione con un uomo sposato e padre di famiglia, che forse strizza l'occhio alla posizione economica dell'uomo di turno o è la Bocca di Rosa che si è scatenata addosso l'ira funesta delle cagnette a cui aveva sottratto l'osso (e che avrebbero voluto fare altrettanto ma non per mille motivi non hanno potuto)? E' mancanza di solidarietà femminile nei confronti di una donna che si dichiara innamorata, è invidia per non poter fare altrettanto o ipocrisia per dover mantenere una posizione di giudizio nei confronti di un gesto "immorale"? A voi lettori l'ardua sentenza...

Foto | Freewebs

  • shares
  • Mail