Dopo la gravidanza il 30 percento delle donne lascia il lavoro

Le donne molto spesso lasciano il lavoro dopo essere diventate mamme: ecco che cosa è emerso nell’ultimo rapporto Istat.

Tornare al lavoro dopo una gravidanza è dura. Bisogna organizzarsi: trovare un nido o una baby sitter, che hanno costi spesso folli, sperare che i nonni sia disponibili (sempre che ci siano). E anche quanto tutto sembra essere pianificato, ci sono tantissimi fuori programma con cui fare i conti, come le malattie dei bambini, che i primi anni sembrano non finire mai. A questo aggiungiamo contratti precari e stipendi da fame. Non ci sorprendono, quindi, i dati Ista, che svelano che il 30% delle neomamme lascia il lavoro dopo la gravidanza.

Il dato risente anche della crisi: tra il 2005 e il 2012 il livello di abbandono è passato dal 18,4% al 22,3%. Inoltre, nel 60% dei casi devono passare almeno 5 anni prima del rientro. Come mai? Le interruzioni sono per motivi familiari e a causa di lavori atipici, che non garantiscono la maternità. Infatti, l’Istat ha così specificato:

L'Italia continua a essere un Paese caratterizzato da un'elevata asimmetria dei ruoli nella coppia (il 72% delle ore di lavoro di cura della coppia con figli sono svolte dalle donne), da una bassa offerta dei servizi per l'infanzia e una crescente difficoltà di conciliazione, soprattutto per le neomadri (dal 38,6% del 2005 al 42,7% del 2012).

Dagli anni '90 è progressivamente aumentato il part-time femminile (dal 21% del 1993 al 32,2% del 2014), con conseguenti minori livelli medi di retribuzione e importi più bassi dei contributi versati. Una donna su due ha una pensione sotto i 1.000 euro.

Via | Radiomontecarlo

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail