Dieta dimagrante, i motivi più comuni per cui non sempre funziona

La dieta non sempre funziona. Infatti dimagrire mangiando meno non è necessariamente un'equazione esatta. Vediamo come mai

La primavera, come spesso abbiamo detto, è la stagione delle diete dimagranti, il periodo in cui ci diamo tutte un gran daffare per arrivare preparate e splendide alla prova costume. Il primo step per il raggiungimento dell'obiettivo è sempre il cambio del regime alimentare, evitando gli eccessi a tavola per fare finalmente pace con lo specchio.

Eppure iniziare una dieta non è sempre garanzia di perdita di peso. Infatti, specie quando ci si affida ai modelli dietetici "artigianali" o spacciati per universali, capita che non si tenga conto delle reali necessità del corpo, così come del proprio metabolismo.

Perciò, nonostante si facciano sacrifici, l'ago della bilancia non accenna a scendere e anzi, ci fa pagare un conto salatissimo al primo peccato di gola che ci concediamo. Inutile dire che per evitare questo problema è obbligatorio affidarsi a professionisti della nutrizione, gli unici in grado di somministrarci diete bilanciate e sicure, ma anche di consigliarci eventuali esami strumentali per avviare un percorso più mirato.

In generale ci sono poi dei casi ben precisi per cui la dieta su di noi non funziona (ovviamente lasciando fuori dalla lista eventuali scompensi ormonali o problemi di salute). Uno, il più diffuso, è derivato dalla scelta di un allenamento sbagliato. Tutti infatti sappiamo che per dimagrire è necessario accostare un menù ipocalorico alla corretta attività fisica, ma invece spesso si ignora un fattore fisiologico importantissimo.

Quando facciamo sport e ingrossiamo i muscoli, aumenta anche la nostra riserva di glicogeno e contemporaneamente anche la tanto odiata ritenzione di liquidi. Per questo è sempre bene prevedere che l'allenamento comprenda non solo l'attività anaerobica per aumentare la massa magra, ma anche e soprattutto quella aerobica.

Poi ovviamente un altro errore che fa saltare la dieta è la scelta di un regime eccessivamente restrittivo. Da una parte infatti il senso di fame costante ci fa perdere la motivazione, ma dall'altra mette anche in stand-by il nostro metabolismo, impedendoci di dimagrire.

Consideriamo poi un altro aspetto, quello che riguarda il perfetto bilanciamento fra dieta e attività fisica. Purtroppo molte donne pensano che fare un'ora di cyclette al giorno basti per non avere sensi di colpa a tavola, portando spesso ad indulgere sulle calorie.

Inutile dire che questa situazione è un vero e proprio serpente che si morde la coda. Se davvero vogliamo perdere peso e affinare la silhouette è bene scegliere attività adeguate alle calorie che dovrebbero essere assunte.

Ancora una volta il medico sarà il nostro miglior alleato nella lotta contro i chili di troppo, suggerendoci un menù ottimale per il nostro caso specifico, ma anche la tipologia di sport migliore per rimetterci in forma senza commettere errori.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail