Come usare l'acqua di cottura degli asparagi per depurarsi

Se avete cotto in acqua gli asparagi, non buttate via l'acqua di cottura: è utile per depurarsi!

Asparagi

Gli asparagi sono una delle verdure che da aprile non devono mai mancare sulle nostre tavole: sono buoni e sono spesso protagonisti di ricette uniche, ma lo sapevate che hanno anche proprietà disintossicanti, dimagranti, drenanti e anticellulite? L'asparago è un alleato di salute e di bellezza, ma lo è anche la sua acqua di cottura: se li avete cotti in acqua, conservate il liquido e usatelo così, per una tisana detox davvero unica.

Non aggiungete zucchero, ovviamente: se il sapore è troppo forte, un po' di limone magari potrà stemperarlo.


  • Quando sbollentate gli asparagi, non buttate via l'acqua.

  • Potete usarla per risotti, minestre, per aggiungerla ad altre preparazioni.

  • Potete anche bere l'acqua di cottura degli asparagi, ben filtrata, ogni giorno, come tisana drenante.

  • Come tutte le altre verdure, anche l'acqua di cottura degli asparati è un ottimo rinvigorente e ricostituente naturale.

  • Non esagerate, però: tra gli effetti indesiderati, oltre all'odore che dà all'urina, anche problemi a livello dei reni.

  • shares
  • Mail