Creare il sapone fai da te per fare in casa profumate saponette

Sono colorate, profumate, lavano e deliziano il nasino con le loro fragranze, sempre diverse e sempre buonissime: sono le saponette, di tutte le forme e i colori, che possiamo anche creare in casa con il metodo fai da te. Per poter fare autonomamente i nostri bei saponcini, ci sono un po' di metodologie, le quali spaziano da quella base, che prevede l'acquisto di barrette di sapone cui aggiungere colori e aromi a quelle più elaborate, con oli e soda caustica (o liscivia). Di seguito vi spiegheremo le due principali.

Il primo metodo si chiama "Melt&Pour" che in poche parole si riassume nel fondere e versare la base di sapone nelle apposite formine, dando la fragranza che più ci piace e decorando con petali di fiori, pout pourri o altro. Le barrette di sapone vergine si possono trovare nei negozi di artigianato o da fornitori specializzati e vanno sciolte a bagnomaria, mescolando per qualche minuto. Quando il sapone è diventato liquido si possono aggiungere aromi, coloranti o additivi e versare in stampi resistenti al calore. Una volta freddato il tutto si avranno bellissime saponette pronte all'uso.

Questo metodo è il più semplice ed è quello migliore per iniziare a sperimentare il fai da te in questo campo, ma proprio perché si acquista, di fatto, un prodotto già semi-lavorato è essenziale che la materia prima sia genuina, o la personalizzazione servirà solo a dare aroma e colore, ma non ad evitare di mettere sulla pelle sostanze chimiche.

Ben diverso è il processo a freddo, che permette di partire da zero. Tenendo conto che bisogna lavorare con la liscivia (o soda caustica) è necessario, però, rendere il lavoro agevole e sicuro, riparando mani e viso dai fumi e dal calore che vengono sprigionati. Oltre alla soda serviranno oli naturali, burri o grassi animali; una pentola capiente per sciogliere il sapone; attrezzature varie da cucina; aromi e coloranti; uno stampo per versare il sapone; un luogo fresco e asciutto dove lasciarlo riposare.

Il primo passo è preparare una miscela di acqua e liscivia: in un contenitore pieno di acqua bisogna versare con cautela la soda, mescolando per far sciogliere bene. Riponiamo il contenitore in un luogo sicuro e lasciamo raffreddare. Nel frattempo si possono far scaldare gli oli o i grassi nella pentola fino a quando non si raggiunge la temperatura di circa 45-50 gradi, stando attente a non far bollire.

Avendo sempre cura di indossare le protezioni specifiche si può iniziare a versare la soda nella soluzione oleosa, mescolando per bene, anche con l'ausilio di un frullino a immersione (attente agli schizzi!). Il sapone inizierà lentamente ad addensarsi e sarà pronto per l'aggiunta di coloranti e aromi. Dopo di che si può versare nello stampo. Bisogna attendere almeno 24 ore prima che si solidifichi per bene e ben 4 settimane prima che sia pronto all'uso.

Il procedimento è più lungo e laborioso, ma di certo è quello che regala più soddisfazioni.

Foto | Pinterest

  • shares
  • Mail