Donne vittime della rabbia da guardaroba: passano metà della vita a lamentarsi dei propri vestiti

Una vita frustrante, spesso basata solo esclusivamente sull’aspetto fisico. Le donne soffrono della sindrome di rabbia da guardaroba.

Cabina armadio da organizzare

Quanto conta la bellezza per voi? Tantissimo. Ovviamente, per qualcuna di più per qualcuno meno, ma complessivamente siamo tutte molto impegnate a prenderci cura del nostro aspetto. Un sondaggio realizzato Marks and Spencer e Oxfam, svela che le donne impiegano 17 minuti in media al giorno per decidere cosa indossare. Se facciamo un rapido conto, vuol dire che stiamo con la testa nel guardaroba o nella cabina armadio per sei mesi nel corso di una vita.

Non finisce qui, poi dobbiamo sommare il tempo che spendiamo per truccarci, per andare dal parrucchiere, dall’estetista o per fare sport nell’ambizione di avere un corpo da copertina. Una follia, se ci pensiamo bene. Secondo sempre il sondaggio, questa ossessione porterebbe il 62% delle donne intervistate a soffrire della cosiddetta 'rabbia da guardaroba', uno stato di collera irrazionale causata dal non vedere appeso nell'armadio tutto quello che si vorrebbe.

Anche gli uomini soffrono dello stesso disturbo ma in misura ridotta. Spendono l'equivalente di 3 giorni l'anno per decidere quale abito indossare, un terzo degli intervistati di sesso maschile ammette di aver ceduto al un attacco di 'rabbia da guardaroba' almeno una volta nella vita.

Che cosa contiene l’armadio? Ci sono mediamente 152 capi, ma che solo il 44 percento di questi viene indossato regolarmente, 57 capi non vengono mai usati, 16 vengono scelti solo una volta e 11 hanno ancora l'etichetta. E se una persona su 8 ammette di possedere circa 300 capi di abbigliamento, 1 su 20 si lamenta almeno una volta a settimana di non avere nulla da indossare.

  • shares
  • Mail