Cicciolina in politica nuovamente, stavolta con il suo partito Dna

La campagna elettorale è oramai nel vivo ed è bene che ci prepariamo a tutto. Ma, anche in questi casi, dovrebbe esserci un limite... o no? Pare che la risposta sia assolutamente negativa vista la notizia che stiamo per darvi: Ilona Staller, in arte Cicciolina, sta per tornare in politica!

Tutti conoscono, almeno per sentito dire, colei che è stata una delle pornostar più famose degli anni '80 e '90, probabilmente quella che insieme ad un altro paio di colleghe è riuscita in qualche modo a "sdoganare" un "mestiere" tutt'altro che semplice da gestire.

In questo le sarà stato d'aiuto, insieme ad altre attività più o meno colorite, l'aver fondato ai tempi il famoso Partito dell'amore che vide la luce nel 1991 e che annoverava tra i suoi fondatori proprio la Staller, già deputata in forza al Partito Radicale ed eletta alla Camera nel 1987. Evidentemente tale professione piace a Cicciolina che ha deciso di riprovarci, ancora.

L'appuntamento, dunque, è per le elezioni politiche del 2013 - sempre che non ci siano sorprese prima della naturale scadenza elettorale prevista per la prossima primavera con la conseguente apertura delle urne -, che vedrà Cicciolina impegnata ancora una volta nelle vesti di leader di partito.

A quanto si apprende il progetto della Staller sarà ancora una volta condiviso: il 27 settembre la bella Ilona e il suo fidanzato - che pare essere decisamente sexy -, ovvero l'avvocato Luca Di Carlo, hanno sottoscritto davanti ad un notaio l'atto costitutivo e lo statuto del nuovo partito chiamato "Dna", acronimo di: Democrazia, Natura e Amore.

L'intento, dunque, è quello di far esordire il nuovo schieramento proprio per il prossimo appuntamento della primavera 2013, quando gli italiani saranno chiamati alle urne per decidere chi dovrà governarli per i cinque anni a venire.

Questa volta la Staller avrà più successo dell'ultimo tentativo? Rimaniamo in fervente attesa, intanto aspettiamo di leggere il programma del nuovo partito e, ovviamente, di vedere come Ilona deciderà di improntare la relativa campagna elettorale.

Via | Il Messaggero

  • shares
  • Mail