Prova i vestiti della fidanzata: le taglie sono assurde

Le taglie degli abiti femminili spesso non hanno senso e sembrano studiate per farci sentire grasse?

ben-denuncia.jpg

Quante volte lo avete pensato: le taglie degli abiti da donna sono assurde. Lo ha dimostrato un ragazzo che stava aiutando la fidanzata nel sistemare l’armadio. Benjamin Ashton Cooper si è reso conto che le dimensioni dei vestiti non combaciavano con le taglie riportate sulle etichette. Per dimostrarlo ha pubblicato su Facebook l’immagine che vedete in alto con le seguenti parole:

“Sto aiutando la mia ragazza a pulire l’armadio e ho notato che molte dei suoi vestiti avevano la taglia XL. Non mi poteva sembrare vero e questo è il perché: i vestiti mi stavano bene. E non lo dico per scherzare o fare ironia. Mi ha dato molto fastidio. Non sono un uomo “XL” e, ancor più importante, una donna con un fisico simile al mio NON è una taglia extra large. Questo è la ragione per cui abbiamo bambine di otto anni che soffrono di disturbi alimetnari. Il motivo per cui noi uomini gridiamo “stupida grassa” a ragazze appena curvilinee per la strada. E’ la spiegazione al perché gli uomini credono che il sessismo sia un mito portato avanti da bimbette liberali”.

La denuncia è stata così apprezzata da ottenere circa 300mila condivisioni.

Via | Facebook

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail