Dolore alla schiena e alle ginocchia? Potrebbe essere la sindrome del sedere dormiente

Potrebbe essere causa di dolori a schiena e ginocchia. È la sindrome del sedere dormiente. Nome coniato dall'Università dell'Ohio

Se uno dei nostri problemi fisici è un mal di schiena ricorrente o un dolore alle ginocchia ormai cronicizzato, l'origine di tutto potrebbe risiedere nel fondoschiena, letteralmente. O almeno questo è quello che ci dicono gli esperti dell'Ohio State University Wexner Medical Center, che hanno dato un nome ai doloretti che interessano la nostra zona superiore, fino alla cintola: Dormant Butt Syndrome o sindrome del sedere dormiente.

Spiega Chris Kolba, un fisioterapista dell'Università dell'Ohio:

Il fondoschiena dovrebbe fungere da supporto per tutto il corpo e da ammortizzatore per lo stress durante l'esercizio fisico. Ma se è troppo debole, le altre parti del corpo provano a farne le veci e in questa situazione è molto facile che ci si lesioni

Chris Kolba

In pratica stare troppo tempo seduti o dormire in posizione fetale la notte, sono abitudini che possono indebolire la muscolatura dei glutei. Quando questi ultimi non sono tonici, il problema si riflette su tutto il resto del corpo, provocando dolori sparsi, soprattutto in zona schiena, gambe e fianchi.

In più, come dice Kolba, il sedere dormiente può essere causa di lesioni durante l'attività fisica. Per capire se soffriamo della sindrome Dormant Butt, oltre a sperimentare i malesseri di cui parlavamo prima, dobbiamo prestare attenzione a due altre condizioni. La prima, il nostro lato B è piatto, la seconda, se contraiamo i glutei da distesi, non riusciamo a mantenere la posizione per almeno 10 secondi.

I glutei sono muscoli potenti e dovrebbero essere in qualche modo visibili. Anche se non sempre è un segno eloquente, un lato B piatto può essere un indizio della sindrome del sedere dormiente

Doug Sklar

Secondo Doug Sklar, un personal trainer qualificato del PhilanthroFIT Studio di New York, la sindrome del sedere dormiente può essere guarita, stimolando la giusta resistenza della muscolatura. Per iniziare possiamo fare un piccolo esercizio, da eseguire da sedute o distese ed è stringere i glutei a intervalli di cinque secondi per 10-15 ripetizioni.

In questo modo il lato B viene messo sotto sforzo e si tonifica. Poi possiamo passare a squat e affondi, che a quanto pare non rendono solo bellissimo il nostro fondoschiena, ma anche più in linea e armonica la postura, evitando problemi alla schiena.

Sindrome sedere dormiente

Via | Glamour

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 32 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA&LIFESTYLE DI BLOGO