Storie a distanza - parte prima: può funzionare?

storie a distanzaA volte si può scegliere, ma qualche volta no: come si comanda al cuore di non innamorarsi del bel surfista australiano (o del bagnino toscano) conosciuto in vacanza? Se poi la coppia è già formata e uno dei due deve trasferirsi per motivi di lavoro o studio – a breve o lungo termine – la crisi si sfrega le mani ed è pronta a colpire.

Le soluzioni in fondo sono solo due: lottare armati fino ai denti di pazienza, impegno e determinazione, affilando per bene tutte le proprie arti amatorie, oppure arrendersi all’evidenza: la mancanza di condivisione quotidiana è letale per l’amore. O ti trasferisci anche tu o vedi spegnersi il sentimento. Troppo drastico? Voi che ne pensate in base alle vostre esperienze?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail