I sintomi delle mestruazioni: in quei giorni siamo tutte streghe cattive?

sindrome mestrualeCi sono i sintomi fisici e ci sono quelli, nascosti alla vista ma molto più pericolosi, connessi allo stato d’animo ballerino. Tra i primi annoveriamo il classico e intramontabile mal di pancia, che va bene per ogni stagione e con ogni personalità. Stesso discorso vale per le profonde occhiaie blu che se ne infischiano delle mode (per fortuna quest’anno il blu è di tendenza).

Ma c'è anche la sensazione di essere state prese a botte con un bastone nodoso: sarà per questo che nutriamo una sorda ma profonda volontà di vendetta verso non si sa bene chi? Qualcuno soffre anche di nausee, mal di testa, addirittura, nei casi peggiori, si manifesta persino la febbre.

Su questo nessuno nutre dubbio e i sintomi sono incontrovertibili. Ma sul piano psicologico le cose sono ben diverse anche se in fondo i sintomi più disparati in questo caso ci accomunano tutte nella categoria delle streghe feroci assetate di vendetta. L’umore passa dal pianto dirotto alla più spietata volontà di mandare chiunque a quel paese, con picchi di nervosismo che porta alcune a frantumare tutto quello che ci si ritrova in mano.

In questo scenario disastroso siamo un pericolo più per noi che per gli altri, che possono sempre decidere di allontanarsi preventivamente al primo accenno di sindrome pre-mestruale. A meno che non si tratti di colleghi che in certi giorni temono anche di avvicinarsi alla vostra scrivania anche se devono farlo – oppure, che è anche peggio, dimostrano un’insana temerarietà facendo battutine inutili su quanto le mestruazioni ci rendano acide.

Ma c’è anche di peggio: nei giorni del ciclo siamo indotte a comportamenti che nel resto del mese ci sembrano assurdi ma che puntualmente torniamo a ripetere. Vestirsi male è solo la più evidente ma meno grave. Ci sentiamo goffe e gonfie, temiamo le macchie, tendiamo a coprire più possibile. Ma possiamo anche cadere nel pericoloso vortice dell’auto-consolazione che per qualcuno si risolve in cibo spazzatura a volontà e per altri in shopping consolatorio che nove volte su dieci si rivela assolutamente inutile.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail