Filtri per i selfie e manie di perfezione promuovono i ritocchini dal chirurgo

Tra filtri per i selfie, filtro bellezza e filtri per Instagram Stories, il rischio di guardarsi allo specchio e non riconoscersi più è davvero elevato.

Filtri per i selfie e manie di perfezione

I filtri per i selfie sono entrati nelle nostre vite e ormai è quasi impossibile farne a meno, i nostri telefoni ci fanno apparire più belli e senza imperfezioni, con la pelle liscissima e perfetta, le ciglia da cerbiatta e un colorito uniforme e senza l’ombra di un difetto. Tra il filtro bellezza della fotocamera e i filtri di Instagram e delle Instagram Stories c’è solo l’imbarazzo della scelta, sembriamo tutti bellissimi e perfetti anche alle 7 del mattino. I filtri ed in generale questo bisogno di vederci e mostrarci agli altri con una perfezione irreale è pericolosa, perché lo scarto tra come ci presentiamo e come siamo davvero può diventare davvero preoccupante.

I filtri per i selfie possono avere effetti psicologici negativi perché rischiano di scatenare una specie di fobia verso i difetti fisici, non ci accettiamo e tentiamo in ogni modo di far sparire le nostre imperfezioni – vere o presunte – con gli interventi di chirurgia estetica.

In America 1 persona ogni 50 soffre di disturbo dismorfico del corpo (BDD) o dismorfofobia, le imperfezioni diventano un ossessione e si trasformano in disturbo ossessivo compulsivo che trova pace momentanea solo con io ritocchini, le punturine di botox o interventi veri e propri.

Ovviamente una persona equilibrata e stabile non diventa ossessionata per colpa dei filtri, ma magari può non essere felice quando viene taggata dagli amici in qualche foto orrenda o troppo naturale.

Se volete davvero vedervi bellissime potete provare il filtro Kylie su Instagram Stories, ispirato proprio a Kylie Jenner.

via | msn

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail