Angela Merkel annuncia il ritiro nel 2021, non si candiderà alle prossime elezioni

Angela Merkel annuncia il ritiro nel 2021, non si ricandiderà alla presidenza del partito e nemmeno alle prossime elezioni

Angela Merkel

Angela Merkel annuncia il ritiro, dopo l’ultima delusione alle elezioni in Assia, la cancelliera deve aver fatto le sue riflessioni che l’hanno portata a dire addio alla politica e alla sua vita degli ultimi 15 anni. Dopo anni di battaglie, scelte impopolari, coraggio e rischi Angela Merkel si è resa conto di non essere più la donna giusta per guidare la Germania, forse per il mutare dello scenario politico e sociale intorno a lei, per la politica fluida e sempre più prova di valori e anche per la deriva generale a cui stiamo assistendo.

La cancelliera tedesca dichiara che quello in corso è il suo ultimo mandato e in occasione del Congresso della Cdu previsto per dicembre ad Amburgo non si ricandiderà alla presidenza del partito. Ha anticipato inoltre che nel 2021 non si presenterà alle elezioni per l'incarico di cancelliera e neanche per un seggio in Parlamento. Chi si immaginava la Merkel in Europa dovrà ricredersi, perché ha deciso di concludere i suoi incarichi politici e gli impresi e poi di ritirarsi a vita privata, lontana dalla politica.

Sembra quasi impossibile credere che una donna forte e determinata come Angela Merkel d’un tratto si sia stancata di portare avanti le proprie battaglie e di lavorare per il benessere del paese ma, probabilmente, non riesce più a comprendere le dinamiche.

Angela Merkel ha dichiarato:

“Non sono nata cancelliera e non l'ho mai dimenticato. Oggi è giunto il momento di aprire un nuovo capitolo. Non voglio più ricoprire incarichi politici. Come cancelliera e presidente mi assumo la responsabilità. È chiaro che così non si può andare avanti. L'immagine del governo è inaccettabile. E questo ha ragioni più profonde che ragioni di comunicazione”.

Angela Merkel

Cosa ci sarà nel futuro della politica tedesca? L’eredità di Angela Merkel si traduce nell’attuale segretaria del partito Annegret Kramp-Karrenbauer, nel giovanissimo ministro della Salute Jens Spahn e in Friedrich Merz, uno dei contendenti al posto di Merkel che però non è riuscito a conquistare la poltrona. Per sapere se in nuovo sarà almeno all’altezza del vecchio, non ci resta che aspettare.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail