Smalto semipermanente per unghie: cos'è e quanto dura

Tutto quello che c'è da sapere sullo smalto semipermanente per unghie: durata, applicazione, rimozione e rischi

Smalto semipermanente per unghie

Lo smalto semipermanente è una tipologia di smalto a lunga tenuta che ci permette di avere le mani ordinate e curate fino ad un mese, è una delle tendenze beauty che hanno fatto breccia nel cuore delle donne. Lo smalto semipermanente ha liberato le donne dalle applicazioni casalinghe che non durano nemmeno due giorni, è un trattamento di bellezza che richiede un po’ di attenzione ma che è davvero molto interessante e comodo. Lo smalto semipermanente non ha un effetto artefatto come il gel, ma ha lo stesso effetto naturale dello smalto tradizionale, solo che dura molto di più.

Lo smalto semipermanente ha una formulazione più aggressiva rispetto a quello tradizionale perché è fatta per durare a lungo, contiene idrochinone e idrochinone monometiletere e va poi fissato con la lampada a raggi UV. Questa tipologia di smalto si può applicare anche a casa, con tutti gli strumenti necessari, ma bisogna essere esperte perché si devono seguire vari passaggi che sono fondamentali per avere l’effetto lunga durata.

I passaggi per applicare lo smalto semipermanente sono i seguenti: pulizia dell’unghia, applicazione della base che va fissata in una lampada a raggi UV, stesura dello smalto e fissaggio con lampada a raggi UV da ripetere 1 o 2 volte e poi applicazione del top coat e fissaggio con lampada a raggi UV. L’ultimo passaggio è lo sgrassamento dell’unghia con un cleanser o un olio per cuticole.

Questo smalto non si elimina con i normali solventi ma occorre prima limarlo e poi applicare dei prodotti specifici per eliminare ogni residuo. Limare le unghie richiede attenzione perché il rischio di rovinarle e indebolirle è dietro l’angolo.

Per evitare di danneggiare le unghie è essenziale utilizzare prodotti di ottima qualità, nonostante ciò è consigliabile applicare questo tipo di smalto non più di una volta al mese (che coincide la sua stessa durata) e di evitare il contatto con la pelle. Per ottimizzare la durata dello smalto e l’efficacia del trattamento non si devono utilizzare acqua calda e creme per almeno un paio di ore dopo la sua applicazione.

Voi che ne pensate? Preferite smalto normale, smalto semipermanente o gel?

Foto | iStock

  • shares
  • +1
  • Mail