Dormire in letti separati rafforza amore e matrimoni

letti separatiGiusto ieri sentivo alla radio la risposta ad una richiesta di consigli durante una specie di posta del cuore radiofonica. La domanda era relativa alla spinosa questione del sesso noioso in una coppia dopo anni di matrimonio o fidanzamento. Il suggerimento mi ha lasciata di stucco: consigliava di tenere camere separate per riaccendere la passione e spazzare via la routine che faceva vivere il sesso alla coppia più come un impegno coniugale che come un momento di condivisione intima e di divertimento.

Immaginerete il mio stupore quando ho letto, a supporto di questa tesi, di una ricerca britannica che le coppie separate che non condividono più il letto rendono di più nella vita e nel lavoro, riposano meglio, si sentono sollevati da obblighi di ogni sorta, non ultimo quello di non disturbare il riposo altrui.

Ci si chiede se davvero si debba ritornare all’età vittoriana per salvare un matrimonio in crisi o se non sia invece la via del dialogo da preferire a quella della muta figura che, cuscino sotto il braccio e coperta in mano, se ne va a dormire sul divano accampando un’insonnia cui solo la tv può fare degna compagnia.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail