Quando un amore finisce: i sintomi

fading loveSarà difficile mantenere una storia a distanza, ma spesso lo è anche se si vive a stretto contatto. Può capitare che per le più svariate e sempre personalissime ragioni un amore si avvii alla sua conclusione, ma ammettere che una storia è finita, dopo aver investito anni, sudori, tremori e una buona parte della propria anima, è davvero penoso. Ma lo è ancora di più continuare a stare con un persona che non suscita più in noi alcuna emozione.

Secondo Genius Beauty i sintomi per accorgersi che una storia va a morire sono essenzialmente cinque. Alcuni sono condivisibili, altri probabilmente da attribuire ad un periodo di crisi ma non necessariamente sintomo di fine irreparabile. Il primo punto? “Non ti manca”. Ma bisogna vedere in che modo: non ti manca quando è lontano da te oppure non pensi costantemente a lui perché hai anche altre cose da fare oltre che sognare ad occhi aperti? Un po’ di sano pragmatismo ci vuole.

D’altronde l’idea di rileggere in continuazione i messaggi dell’amato, pensare costantemente a lui, non riuscire a smettere di guardare certe foto di momenti memorabili fanno parte della fase dell’innamoramento e possono verificarsi anche nel corso della storia, ma insomma, va detto chiaramente: chi ha tempo di mettersi a sognare sulla nuvoletta rosa quando incombono lavoro, impegni, mestieri di casa e quant’altro appartenga alla vita quotidiana? Eppure la lista dei cinque sintomi comincia proprio con l’idea secondo cui se non fai tutte queste cose significa che lui non ti manca affatto.

Il secondo e più pericoloso punto è quello che indica la paura di presentarlo ad amici e parenti o, in una fase più avanzata della storia, di partecipare insieme a riunioni e uscite di gruppo che potrebbero far emergere la crisi della coppia. Qui possiamo essere più d’accordo. Una coppia in crisi statisticamente tende ad isolarsi. Concordate?

Se poi lui esce con gli amici e voi non vi arrabbiate più come prima, i motivi possono essere due: o siete improvvisamente diventate virtuose immuni dalla gelosia e dalla sindrome della trascuratezza oppure non ve ne frega proprio più niente e che vada pure dove vuole purché si tolga dai piedi. Drastico? Ma vero.

La medesima sensazione di allontanamento ricade anche, ovviamente, sulla sfera sessuale. Il desiderio latita, si sta insieme sempre meno e quando lo si fa ci si sente quasi in dovere di costruire quei momenti di intimità, perdendo la gioia di stare insieme a due.

E infine, il sintomo lampante, quello che a differenza degli altri, da considerarsi nell’insieme, da solo costituisce una prova: si comincia a cercare altro, anche inconsciamente, anche sotto forma di innocenti flirt che fino a qualche tempo prima si sarebbero bollati come stupide civetterie e che adesso ci lusingano, ci fanno sentire importanti, ci tirano fuori dall’abisso di una storia che finisce.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail