Tradite? Sedetevi sulla sponda del fiume: il mal di testa lo fermerà

La sexy-cefalea, il mal di testa da sesso"Amore stasera no: ho mal di testa". Classica scusa da film per evitare i doveri coniugali; è così che nell'immaginario maschile la donna si rifiuta più facilmente di fare l'amore. In realtà però il mal di testa da sesso esiste, una sexy-cefalea che può nascondere anche qualche problema di salute non trascurabile. Ma si tratta di un'emicrania che viene durante e dopo l'atto sessuale, e non prima, quindi nessuna giustificazione per l'astinenza.

Sarete però tutte sbalordite nell'apprendere che la sexy-cefalea colpisce di più gli uomini. Anzi, il fatto ancora più sorprendente è che li colpirebbe soprattutto durante atti troppo focosi oppure dopo aver assunto vasodilatatori come il Viagra, oppure ancora durante atti troppo trasgressivi, quindi più facilmente nel bel mezzo di un tradimento.

A sostenerlo è il direttore del Centro Cefalee dell' Ospedale Le Molinette di Torino, Lorenzo Pinessi, secondo cui a soffrire di questi attacchi sarebbe circa il 12% della popolazione italiana (tra uomini e donne). Le donne ne verrebbero colpite soltanto durante le performance in cui sono particolarmente attive (quindi ragazze, evviva la passività e addio alla dominazione col frustino).

La sexy-cefalea si presenta come un'emicrania che cresce con l'eccitazione e arriva al suo massimo durante l'orgasmo, per durare poi anche alcune ore: insomma lunghe agonie di sofferenza per qualche secondo di piacere. La sexy-cefalea si può manifestare all'improvviso, con molta violenza, tanto che gli uomini si possono accasciare a terra spaventati; ed evitare così di commettere il famigerato adulterio oppure rivelandoci di aver forse assunto qualche pastiglietta blu. Scherzi a parte, sarebbe meglio rivolgersi a un medico o direttamente al pronto soccorso: tali disturbi infatti possono nascondere dei piccoli aneurismi cerebrali.

Come fare per evitare le forti emicranie e i crolli durante le performance? Dire addio a posizioni troppo strane o faticose, a partire da quelle in cui lui si trova in piedi; stare attenti a quel che si mangia e a quel che si beve, non eccedendo con cibi cosiddetti afrodisiaci; prendere certe pillole con parsimonia; e soprattutto NON TRADIRE: qualche ora di salute e di sana vita di coppia, vale più di una manciata di secondi di piacere, con l'amante.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail