Infortuni domestici, nel 66% dei casi sono donne

Federcasalinghe, INAIL e Ispesl, in occasione della festa della mamma, celebratasi ieri, hanno fatto un bilancio degli infortuni domestici alla luce degli ultimi dati raccolti. Secondo l'Ispesl, ogni anno, sono 3.180.000 gli incidenti che accadono in casa e le vittime sono soprattutto le donne (66% dei casi, circa 2 milioni di infortuni all'anno), di cui il 35.9% è costituito da casalinghe.

Le pareti domestiche nascondono spesso pericoli ai quali non siamo abituate a pensare, sentendoci normalmente al sicuro in casa nostra. Le stime dell'Ispesl per il 2008 parlano di 566.288 infortuni maschili e di 1.076.558 femminili.

La principale causa degli incidenti femminili è la distrazione (54,28%) e il tipo di infortunio più ricorrente risulta essere la caduta (57,66%). L'ambiente domestico più a rischio è la cucina, in cui si verificano il 41% degli incidenti: a causare il maggior numero di infortuni è il pavimento (32,1% dei casi); seguono i mobili con il 13,95%, le scale (13,68) e il coltello (10%). Le lesioni più frequenti sono la contusione (40,79%), le fratture (40,45%) e le ferite (5,5%).

Causa stimolante della distrazione a mio avviso è spesso e volentieri la fretta, soprattutto determinata dal fatto di avere anche un lavoro fuori casa a cui aggiungere l'incombenza del lavoro domestico. Oltre ai dati sopraccitati sono state diffuse ieri informazioni utili alle donne italiane, tra cui il diritto all'assicurazione gratuita per le donne con basso reddito, per maggiori info cliccate qui o rivolgetevi al Comitato infortuni domestici della sede Inail a voi più vicina.

Via | Prontoconsumatore

  • shares
  • Mail