Plank: 5 cose da sapere sull'esercizio per avere la pancia piatta

Tutto quello che c'è da sapere sul plank, l'esercizio per avere la pancia piatta e addominali scolpiti.

Il plank è l’esercizio più in voga del momento, è difficile, faticoso e impegnativo ma è anche molto efficace per avere la pancia piatta, addominali scolpiti e un lato B tonico. Il plank non è un esercizio che si può fare se non vi muovete da anni e se non avete un fisico allenato, ma potete sempre provarci, iniziando con serie brevi in modo da non sbagliare la postura e farvi male.

Per fare il plank occorre solo un materassino per addominali, è un esercizio statico e quindi può sembrare semplice ma non lo è affatto, perché è una posizione difficile da mantenere e in cui devono lavorare gli addominali e altri muscoli. È molto importante eseguire l’esercizio in modo corretto perché altrimenti si rischia di sovraccaricare la schiena o di assumere posizioni scorrette.

Scopriamo insieme 5 cose da sapere sul plank, l'esercizio per avere la pancia piatta e tra i più amati anche per i selfie gym su Instagram.

  • Il plank fa lavorare gli addominali ma anche i muscoli della schiena, quelli di gambe, fianchi, glutei, spalle e petto, aiuta a tonificare le fasce muscolari che sostengono meglio il corpo, migliorano la postura e ci aiutano a prevenire tutti i problemi legati al mal di schiena e alle posizioni scorrette che assumiamo a lavoro. I muscoli allenati ci aiutano a mantenere la giusta postura.

  • Il plank mette in moto tanti muscoli e quindi fa consumare molte calorie, ciò permette di accelerare il metabolismo e quindi fa bene sotto tutti i punti di vista.

  • Se passate buona parte della giornata seduti a una scrivania i vostri muscoli ne risentono parecchio, le le gambe diventano doloranti e le spalle tese e spesso subentrano anche dolori a schiena e collo. Il plank aiuta a stirare i muscoli e a distenderli e quindi aiuta a diminuire gli effetti collaterali del lavoro d’ufficio.

  • Il plank si fa posizionandosi a pancia in giù, piegate i gomiti di 90° e posizionateli perpendicolarmente alle spalle. Poggiando sugli avambracci e sulle punte dei piedi il corpo deve mantenere una linea retta, addominali e glutei devono rimanere sempre contratti. Non inclinate la schiena e non abbassate l’addome, non piegate il collo e mantenete le gambe ben dritte.

  • L’ideale sarebbe riuscire a fare il plank per 5 minuti al giorno. Ma potete iniziare con delle serie da 15 secondi intervallate da pause da 2 minuti e man mano aumentare un pochino, mettendo sempre al primo posto la corretta esecuzione dell’esercizio e non la durata delle singole serie.

Foto | iStock

  • shares
  • +1
  • Mail