Is there still Sex in the City?: arriva lo spin-off sulle cinquantenni

Dato che il sequel di Sex in the City non si può avere, l'autrice Candance Bushnell ha scritto un nuovo libro che si intitola "Is there still Sex in the City?" incentrato sulla vita di quattro cinquantenni.

Is there still Sex in the City?

Dato che un accordo per girare “Sex and the city 3” non è stato possibile trovarlo in nessun modo, Candance Bushnell, l’autrice che ha inventato il libro Sex and the city nel 1996, è tornata in pista con un nuovo volume interamente dedicato a un gruppo di cinquantenni. Il libro si intitola “Is there still Sex in the City?“ e racconta la vita di quattro cinquantenni che si destreggiano tra impegni di lavoro, sesso, eventi e appuntamenti in città.

Quando Candance Bushnell scrisse il primo libro era il 1996 e due anni dopo Sex and the city era già una serie televisiva, la Paramount Television è già pronta a cavalcare il successo del nuovo libro e portarlo sullo schermo, scopriremo più avanti se piccolo (serie televisiva) o grande (film al cinema).

Sull’onda dello straordinario successo di Sex and the city sono state fatte 6 stagioni della celebre serie televisiva e due film al cinema, piuttosto deludenti purtroppo e con poco smalto rispetto a quello a cui eravamo abituati. Dalla penna di Candance Bushnell sono nati anche i libri Lipstick Jungle e Carrie's Diary, che sono diventate anche queste delle serie televisive, rispettivamente per Nbc e Cw. Entrambe sono risultate carine, ma niente a che vedere con il successo di Carrie & Co.

Riguardo al nuovo libro “Is there still Sex in the City?“ Candance Bushnell ha raccontato che il libro racconterà di alcune donne che si dividono tra l'Upper East Side di Manhattan e il Village, che ci saranno corteggiamenti, matrimonio, figli, divorzi, lutti e poi la pressione che le donne hanno di dover essere sempre belle e perfette come delle ragazzine, ma anche attive sia sul lavoro che in campo amoroso.

La scrittrice ha dichiarato:

“Non era così una volta: allora i 50 significavano l'inizio della pensione: lavorare meno, passare più tempo con i tuoi hobby, con gli amici, i nipotini", spiega la Bushnell che già nel 2008, per il secondo film ispirato al suo libro, aveva fatto indossare alle sue "ex ragazze" gli occhiali da lettura: "Non era previsto di continuare ad andare in palestra, avviare una nuova impresa, trasferirsi in un'altra città, fare sesso con un estraneo, ricominciare tutto daccapo. Questo invece è come molte donne cinquantenni e sessantenni vivono adesso e il mio libro e la serie rifletteranno su questo”.

Candance Bushnell

Voi che ne pensate?

  • shares
  • Mail