Laura e Jessica alla maratona di Pittsburgh, mano nella mano fino al traguardo

Laura Mazur e Jessica Robertson sono diventate il simbolo della maratona di Pittsburgh, sono arrivate al traguardo per ultime mano nella mano.

Laura e Jessica alla maratona di Pittsburgh

Laura e Jessica sono due ragazze americane che hanno deciso di partecipare alla maratona di Pittsburgh, una sfida incredibile per tutti, ancor di più per delle persone comuni che vogliono mettersi alla prova. La maratona è una corsa in città molto lunga compresa tra i 40 e i 42,75 chilometri, chi decide di cimentarsi in questa prova si allena per mesi, segue un’alimentazione adatta e cerca di migliorare la propria resistenza e abituare il proprio corpo alle lunghe distanze.

La maratona di Pittsburgh, e in generale tutte le maratone, sono come una metafora della vita: la partenza, la meta da raggiungere, la resistenza e la costanza di non mollare, il dolore e poi la gioia e la soddisfazione di arrivare fino in fondo. Laura e Jessica hanno partecipato alla maratona di Pittsburgh e si sono sostenute fino al traguardo, insieme sono arrivate fino alla fine e probabilmente se si fossero date una mano lungo i tanti chilometri non ce l’avrebbero fatta.

Laura Mazur ha 37 anni ed è originaria di New Bremen nell'Ohio, quella di Pittsburgh è stata la sua 12esima maratona, Jessica Robertson invece ha 30 anni è di Braddock in Pennsylvania e questa è stata la sua prima maratona, una sfida difficile, forse più di quello che si aspettava.

Le foto di queste due donne, arrivate al traguardo per ultime e mano nella mano, ha fatto il giro del mondo ed è diventata un simbolo di solidarietà, resistenza e forza.

via | Corriere

  • shares
  • Mail