#YouKnowMe: attrici e popstar americane per il diritto all’aborto

#YouKnowMe è il nuovo hashtag che raccoglie le testimonianze delle persone che hanno avuto esperienze di aborto e vogliono difendere la legge in vigore.

#YouKnowMe

La rivoluzione si può fare anche a distanza e le donne lo hanno dimostrato in occasione del movimento #MeToo, quando il tam tam di testimonianze e solidarietà ha buttato giù un impero di molestatori che si sentivano intoccabili. Adesso siamo chiamate a un'altra battaglia che gira sul web con l’hashtag #YouKnowMe, dopo l’assurda legge anti aborto approvata in Alabama, moltissime donne – famose e non – stanno lasciando testimonianze per far capire a tutti che la legge sull’aborto non deve essere modificata e che tutte le donne possono ritrovarsi in un determinato momento a dover interrompere una gravidanza.

L’hashtag è stato lanciato dall’attrice americana Busy Philipps che proprio qualche tempo ha raccontato di aver abortito quando aveva 15 anni. È normale cercare di condividere solo le cose belle, ma in America ha ricorso all’aborto una donna su quattro, eppure nessuno ne parla, e se nessuno parla, si batte e si espone, si rischia di non poter più prendere decisioni sul proprio corpo perché degli uomini di destra, in primis Trump, hanno deciso così.

Busy Philipps ha scritto un post su Instagram e ha invitato le tante donne che hanno avuto la stessa esperienza a raccontarsi. #YouKnowMe sta per: "Tu mi conosci, sono una donna che ha abortito”.

Il post ha avuto un successo incredibile e nel giro di 24 ore sono state condivise testimonianze di violenze, di gravidanze in età infantile, abusi, scelte dolorose legate a povertà o a condizioni sanitarie rischiose.

La legge è stata approvata in Alabama dove le donne non potranno abortire nemmeno in caso di incesto o stupro, ma negli ultimi anni c’è un dilagare di leggi restrittive del diritto d'aborto in parecchi Stati americani, proprio a seguito dell’elezione di Donald Trump. In prima linea a combattere queste restrizioni ci sono Alexandria Ocasio Cortez, Hillary Clinton a Elizabeth Warren che hanno definito le leggi anti aborto un attacco frontale ai diritti delle donne, ma anche le celebrities stanno sensibilizzando tutti con messaggi bellissimi da donna a donna.

Lady Gaga ha scritto:

"Ci sono pene più alte per i medici che praticano l'aborto che per chi stupra? È un'assurdità, prego per le donne e le ragazzine che soffriranno per questo sistema".

Lady Gaga

Foto | Facebook

  • shares
  • Mail