Cellulare in spiaggia: come comportarsi per non disturbare

Il cellulare in spiaggia può diventare un vero incubo, ecco qualche consiglio su come comportarsi per non disturbare i vicini di ombrellone.

Cellulare in spiaggia

Il cellulare è diventato un qualcosa di cui non si può più fare a meno, è normale che sia così perché tra fotocamera, videocamera, app, telefono e messaggi, navigatore e tutto il resto è un compagno di avventure davvero indispensabile. L’importante però è non abusare dello smartphone, evitare di passare ore in spiaggia con gli occhi sullo schermo, perdendosi tutto il resto. La convivenza con i vicini di ombrellone può essere davvero difficile in certe situazioni e in questo il telefono ricopre un ruolo fondamentale.

Quante volte capita di volersi rilassare o leggere un libro ma è impossibile perché il vicino parla a tutto volume al telefono o gli arrivano in continuazione messaggi vocali che ascolta ad alto volume. O peggio, noi ci stiamo rilassando e nel frattempo il vicino fa video e foto in continuazione mettendoci a disagio. Situazioni insopportabili che purtroppo sono all’ordine del giorno.

Cellulare in spiaggia, regole

Vediamo insieme qualche regola del galateo per utilizzare il cellulare in spiaggia senza disturbare chi ci sta intorno.

  • Togliete la suoneria e mettete la vibrazione, o almeno evitate di metterla ad alto volume. Se il telefono squilla e suona di continuo mettete silenzioso.
  • Il vivavoce deve essere bandito, sia per le telefonate che per ascoltare i messaggi vocali. Mettete il telefono vicino l’orecchio ed evitate di far sapere a tutti i fatti vostri… non interessano a nessuno!
  • Comprate gli auricolari se volete ascoltare la musica o guardare i video.
  • Se fate le videochiamate o pubblicate Storie su Instagram cercate di riprendere solo voi stessi e lasciate in pace chi sta accanto o dietro.
  • Se siete in vacanza in compagnia non passate le giornate con gli occhi fissi sul telefono…

La psicologa psicoanalista Raffaella Conconi, coordinatrice del Servizio Tutela Minori di Lecco e provincia, ha spiegato all’Ansa:

“È giusto limitare l’uso dello smartphone per una civile convivenza sotto l’ombrellone soprattutto in contesti già sociali come quello della spiaggia, in cui l’uso eccessivo del telefono può limitare i rapporti umani. Non dimentichiamo, inoltre, che il viso incollato sullo schermo o la telefonata in viva voce sono fastidiosi non solo per il vicino di ombrellone, ma anche per chi è in vacanza con noi. Abituiamoci, insomma, all’idea di non avere lo smartphone sempre sott'occhio. Cerchiamo di fare attività variegate, dalla lettura di un libro a una bella passeggiata”.

Raffaella Conconi

via | ansa

  • shares
  • Mail