Dimmi come consumi il rossetto e ti dirò chi sei

rossettiPrima ancora di proseguire vi dico come si consuma il mio: piatto, completamente piatto. Perde quasi subito la tipica forma diagonale dei rossetti nuovi di pacca e diventa difficile da stendere senza sbavature, ragion per cui sono costretta a ricorrere al pennello. E il vostro rossetto come si consuma?

Se la forma rimane diagonale, praticamente quasi identica a quando il rossetto è stato appena aperto, la personalità di chi lo indossa dovrebbe essere determinata, tipica di chi ha le idee chiare e sa come farle rispettare. Questa donna sa cosa vuole e una volta iniziata qualcosa deve portarla a termine.

Se la forma invece si arrotonda denota un temperamento dolce e arrendevole, profondamente sensuale, capace di fare amicizia molto facilmente e di farsi benvolere.

La forma piatta, invece, rappresenta la donna sportiva che ama la vita all’aria aperta, il sole e la naturalezza, sia intesa come natura in senso stretto che come modo di intendere la vita e la bellezza, amante dei ritmi di vita tranquilli. In effetti, mi ritrovo nella descrizione, anche se i ritmi della mia vita sono tutt’altro che tranquilli per ragioni non dipendenti dai miei desideri.

La forma a cono pare sia invece la più comune e denota una personalità aperta e quasi sfacciata, capace di affrontare la vita senza falsi pudori, passionale e spesso al centro dell’attenzione.

Meno diffusa invece la forma a U, che parla di una persona che tende a mantenersi in disparte a studiare chi si trova di fronte prima di aprirsi completamente a qualcuno. Vi riconoscete?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail