L'uomo intelligente ha successo con le donne grazie ai suoi spermatozoi

Gli uomini dotati di intelligenza, dove con tale termine si intende una certa capacità linguistica, sense of humour e una certa dose di capacità sociale ed emotiva, produrrebbero spermatozoi più sani dei loro "colleghi" meno dotati. Di conseguenza, gli uomini intelligenti risultano per le donne più attraenti e più sexy.

Questa sarebbe la conclusione di uno studio condotto dallo psicologo Geoffrey Miller dell'Università del New Mexico, che ha messo in un rapporto direttamente proporzionale l'intelligenza e la salute degli spermatozoi in un uomo: la donna sarebbe inconsciamente più attratta dall'uomo maggiormente in grado di garantirle una prole sana, cioè dall'uomo più "sicuro" per la conservazione della specie. (Mi chiedo perchè non succeda la stessa cosa anche al contrario).

In ogni caso, tutto qua "scientificamente" il legame tra le piacevoli sensazioni mentali ed emotive che un uomo intelligente è in grado di suscitare in una donna, e l'attrazione di quest'ultima verso di lui: nessuno parla di scelta consapevole o di capacità decisionale della donna, senza contare che ormai l'istinto di conservazione della specie non è più così forte come quando vivevamo nelle caverne. Quante donne rinunciano alla maternità perchè giudicano che il libero arbitrio e la felicità stiano altrove? Senza peraltro rinunciare a sesso, piaceri e amore.

Allora io dico: evviva gli uomini intelligenti, ma non perchè debbano diventare padri per forza, ma perchè vengano scelti dalle donne non sulla base dell'istinto di conservazione della specie, ma su quello della conservazione della felicità.

Via | InDies

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail