Obesità, vizi e depressione: lo stato di salute delle italiane peggiora

libro biancoIl Libro Bianco sulla Salute delle donne italiane, prodotto dall'Osservatorio Nazionale, parla chiaro, che più chiaro non si può: le italiane stanno male, sono sempre più deboli rispetto ad alcool e fumo, soffrono di disturbi psichici e per la prima volta la loro aspettativa di vita è a rischio.

Ognuna di noi, nel nostro piccolo, avrà vissuto anche solo sulla sua pelle uno di questi aspetti negativi della propria salute, si sarà sentita depressa e sola, avrà iniziato o smesso di fumare, avrà avuto un attacco di panico o si sarà attaccata alla bottiglia per dimenticare qualcosa o qualcuno. Sono, purtroppo, stati fisici e psichici nella media, ma i numeri di questa media fanno paura perchè salgono vertiginosamente, così come lo stato di salute delle italiane peggiora.

Le ragazze di oggi cominciano a fumare e a bere a 15 anni, e le donne assumono più psicofarmaci degli uomini. Da questo stile di vita e dall'impotenza di fronte ad un ritmo sempre più frenetico che causa crolli al sistema nervoso, deriva il fatto che siamo la prima generazione che vivrà meno delle madri. Nel Libro Bianco ci sono anche dati positivi, quali un minore tasso di mortalità femminile e la possibilità di diagnosticare in tempo i tumori delle donne, quali quello al seno e all'utero, ma d'altra parte crescono il tasso di obesità e i ricorsi al parto cesareo.

Dal Libro emerge la figura di una donna fragile, molto più fragile rispetto a 10 anni fa, che soffre di disturbi alimentari o psichici e che si trova sola, spesso in balia di una Sanità che non ha né i mezzi, né i tempi per starle dietro come dovrebbe e che è ben lontana dalla Medicna di genere di cui ogni donna avrebbe bisogno.

  • shares
  • Mail