Cosa scegliere: Barman o palle?

magic ball 8 per sciogliere i dubbiIl dubbio affoga in una vocale contratta che sta tra le parole sì e no: il dubbio è l’"o", è l’"oppure".

Gli approcci femminili al dilemma del dubbio sono di almeno tre tipi:

- C’è chi si affida all’automasticazione delle unghie;

- Chi a cabale più o meno confessabili;

(al tal proposito ne approfitto per un post-it tra parentesi: se frequentate nontipago.it, continuate sempre a fingere di essere dei carri armati che sanno dove sparare, nel bene e nel male, e non raccontate mai, mi raccomando, neanche in punto di morte, che via affidate a una palla per decidere le sorti della vostra vita professionale o affettiva che sia)

- Infine c’è chi invia le lettere alle redazioni dei magazine e aspetta trenta giorni e passa per sapere se deve cornificare o meno il proprio partner…

Masochiste le prime;
Scaricabarile le seconde;
Decisamente ottimiste le terze.

L’uomo no.

L’uomo se ha un problema, un cruccio, un dubbio che lo tormenta e non lo fa dormire sano la notte, l’uomo chiede a Mario e in tempo reale lui risponde chiaro e lesto. Mario è un barman che nella vita ne ha viste e sentite di cotte e di crude e possiede, perciò, quella saggezza, quel sesto senso, quella pellaccia dura da vecchio mascalzone che sa farti capire in due parole quanto sia anacronistica la piscia a letto a quarant’anni.
Prendiamo esempio, donne.
MARIO: a ulteriore riprova di quanto sia lenta e obsoleta la nostra burocrazia decisionale.

  • shares
  • Mail