Mafalda di Savoia, il coraggio della principessa deportata nel lager nazista

monumento principessa mafalda di savoia Ieri sera è andato in onda su Rete 4 il film storico Mafalda di Savoia - Il coraggio di una principessa, regia di Maurizio Zaccaro e Stefania Rocca nei panni della protagonista.

Mafalda di Savoia Langravia d'Assia fu una donna brillante, raffinata, figlia secondogenita di Vittorio Emanuele III e sorella di Umberto II, ultimo Re d'Italia, morta nel lager nazista di Buchenwald. Dietro la sua vicenda personale si narrano le vicende storiche e politiche dell'Europa a cavallo degli anni Quaranta e gli orrori della deportazione nazista.

Anche per chi ha visto il film alcune questioni restano aperte: perchè una principessa italiana, sposata con un generale tedesco, principessa e cittadina tedesca venne arrestata e deportata? Perché il Re Vittorio Emanuele III, suo padre, né l'avvisò, né impedì che tutto ciò le accadesse?

Secondo quanto raccontato da figli e nipoti la principessa Mafalda morì dissanguata durante un bombardamento nell'agosto del 1944. Prima di morire avrebbe chiesto a due italiani suoi compagni di campo di ricordarsi di lei non come una principessa, ma come una sorella italiana. E' a queste parole che si è ispirata Stefania Rocca per interpretare il personaggio ed è a Mafalda e a tutte le sue sorelle, donne come lei morte nei lager, che Como ha dedicato a un monumento.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail