Tante ricette per il cenone di Capodanno

Stiamo per salutare il 2012 e, come ogni anno, l'approssimarsi della cena di capodanno crea ansie e preoccupazioni ai responsabili della preparazione della tavola e delle pietanze. Ci sono diverse possibilità per accontentare i propri ospiti ma non sempre è facile decidere qual è la migliore.

Preparare una cena tradizionale, il cosiddetto cenone, con una serie di pietanze e portate importanti e abbondanti; o, invece, orientarsi verso un'idea alternativa ma altrettanto appetitosa che semplificherà la vita degli invitati e della cuoca con una cena in piedi, tipo buffet? Qualsiasi tipo di possibilità scegliate, l'importante è che le pietanze siano gustose e il menù variegato: ecco qualche idea.

Cominciamo con il dirvi che per preparare un cenone di Capodanno non c’è bisogno di essere degli chef, esistono tante ricette, anche facili, che renderanno la serata piacevole e divertente. Se la cucina non è il vostro forte bisogna puntare su pietanze poco elaborate, ma gustose: il segreto è la semplicità e le materie prime eccellenti.

L'usanza vuole che all'ultimo dell'anno e/o al primo si consumino alimenti tradizionalmente legati alla prosperità: di particolare buon augurio sono considerate le lenticchie, come anche il riso, che rappresentano il denaro: bisogna quindi mangiarne molte per arricchirsi nell'anno a venire.

Il maiale è un altro alimento ben augurale, in quanto considerato ricco (una volta si mangiava raramente la carne nelle case della gente comune), quindi il cotechino, o lo zampone, sono appuntamenti fissi per il primo dell'anno.

Per chi preferisce stare sul pesce il salmone è uno degli alimenti più richiesti, sia affumicato che fresco, ma anche i crostacei e tutti i pesci che non figurano sulla tavola di tutti i giorni. Ecco, insieme ai piatti tradizionali, qualche ricetta alternativa e ugualmente gustosa:

Bicchierini di salmone

Ingredienti:

    2 cucchiai di salmone fresco tagliato a dadini
    2 cucchiai di formaggio spalmabile tipo Philadelphia
    1 cucchiai di panna acida o di yogurt greco intero
    aneto fresco
    olio extra vergine di oliva
    limone bio
    sale e pepe

Preparazione:

La preparazione di questi bicchierini e facilissima: condite il salmone con sale e pepe e un filo di olio d’oliva. Sbattete assieme il formaggio cremoso e la panna acida, salate e completate con la buccia di limone grattugiata. Riempite il bicchierino con la crema di formaggio, poi deponete sopra il salmone e decorate con l’aneto.

Se vi interessano alcune varianti, potete condire il salmone con il pepe rosa pestato e decorare i bicchierini con qualche bacca di pepe rosa intero; decorate usando uova di salmone o di lompo invece che con l’aneto; usate metà salmone fresco e metà salmone affumicato, oppure solo salmone affumicato tagliato a striscioline; unite del cetriolo fresco a dadini alla crema di formaggio tralasciando la buccia di limone.

Suggerimenti: servite questi bicchierini assieme a dei cucchiaini molto piccoli, e se volete aggiungere una nota alcolica con dei piccoli bicchierini di vodka ghiacciata, seguendo lo stile russo.

Cozze gratinate

Ingredienti:

    cozze grandi
    prezzemolo fresco
    aglio
    pomodorini ben maturi
    olio d’oliva extra vergine
    briciole di pane, ottenute frullando del pane tipo casereccio, possibilmente di grano duro, vecchio di un paio di giorni
    pepe

Preparazione:

Iniziate a pulire accuratamente le cozze, raschiandole e togliendo il bisso tirando con un coltellino, quando le cozze saranno pulite, mettetele in un tegame con uno spicchio d’aglio, un cucchiaio di prezzemolo tritato, il peperoncino rosso privato dei semi e il vino bianco.

Chiudete con un coperchio e fate aprire le cozze a fuoco vivace. Scolate le cozze e filtrate il liquido di cottura con un colino a maglie strette. In una ciotola ponete la mollica di pane triturata, il parmigiano grattugiato, gli spicchi d'aglio tritati, i due cucchiai di prezzemolo tritato rimasti e l’olio extravergine di oliva.

Conchiglioni ripieni

Ingredienti:

    400 g di pasta formato conchiglioni
    2 uova grandi
    300 grammi di bietola o spinaci
    150 g di formaggio grattuggiato
    Sale
    Pepe
    1 pizzico di noce moscata
    500 ml di sugo pronto, ad esempio ai funghi, preparato come in questa ricetta
    Qualche fiocco di burro

Preparazione:

Porta a bollore in una pentola grande abbastanza acqua salata da permettere alla pasta di lessare comodamente, poi scola i conchiglioni al dente e mettili da parte. Mescola la verdura scelta insieme alle uova e a 120 grammi di formaggio, aggiungi un pizzico di noce moscata, sale e pepe, e farcisci i conchiglioni con questo impasto.

Disponi poi su una teglia da forno i conchiglioni in maniera ordinata, versa il sugo distribuendolo sopra i conchiglioni ripieni, spolvera con il formaggio grattuggiato rimasto e aggiungi qualche ciuffetto di burro. Metti nel forno acceso con la funzione grill e dopo qualche minuto puoi servire in tavola.

Risotto con finocchio e limone

Ingredienti:

    400 g di riso
    2 finocchi di media grandezza
    2 limoni di agricoltura biologica
    Brodo vegetale q.b.
    Una noce di burro
    Parmigiano grattugiato
    1 scalogno
    Olio di oliva
    Sale
    Pepe

Preparazione:

Tritate finemente uno scalogno e fatelo dorare in un tegame con un paio di cucchiai di olio di oliva. Unite i finocchi precedentemente mondati, lavati e tritati finemente, salate e lasciate cuocere per qualche minuto. Unite il riso e fate cuocere il riso man mano unendo brodo vegetale caldo.

Portate a fine cottura, aggiungete la noce di burro e grattugiate la buccia di limone stando attenti a non tagliare anche la parte bianca. Servite con una ultima grattugiata di limone e una spolverata di parmigiano grattugiato e pepe.

Stinco di maiale arrosto glassato

Ingredienti:

    1 stinco di maiale
    Bacche di ginepro
    Rosmarino
    Alloro
    Paprika
    Sale
    Qualche cucchiaio di olio extravergine di oliva
    1 cucchiaino mostarda inglese in polvere (senape)
    1 bicchiere di Marsala

Preparazione:

Prepara un trito con tutte le erbe aromatiche, poi unisci anche un pizzico di sale e le polveri delle spezie. Apri la confezione dello stinco, sisitemalo in una teglia e tagliuzzalo per infilarci dentro il trito aromatico. Condisci con l’olio, metti in forno caldo e cuoci per una ventina di minuti a 200 gradi nel forno caldo, irrorando con il Marsala e girando lo stinco per una perfetta doratura.

Dolcetti di pasta di mandorle

Ingredienti:

    500 gr di mandorle bollite e sgusciate (non tostate)
    2 uova intere
    250 gr di zucchero
    zuccherini per decorare o chicchi di caffè q.b.
    1 buccia di limone grattugiata
    1 goccio di liquore di limone
    farina q.b.
    burro q.b.

Preparazione:

Riunite gli ingredienti indicati nell’elenco, tritate le mandorle finemente, riducendole quasi in farina; sbattete un solo uovo, perché non è detto che ne servano due in quanto potreste rischiare di ottenere un composto troppo lento (dipende dal tipo di mandorle).

Unite le mandorle tritate in una ciotola; aggiungete lo zucchero, il liquore di limone, la buccia di limone e la vanillina. A questo punto mescolate con cura e unite lentamente un uovo, continuando a mescolare. Non appena l’impasto sarà diventato piuttosto omogeneo, create delle palline e poggiatele su una teglia imburrata e infarinata. (se non doveste riuscire a formarle sarà il caso di aggiungere un’altra metà di uovo o 1 uovo intero).

Decorate i dolci con gli zuccherini o a piacere con i chicchi di caffè e cuocete nel forno a 150° per circa 10 minuti, sfornate e servite i dolci dopo averli fatti raffreddare o regalateli, chiudendoli nelle scatoline.

Foto | Flickr

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 4 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA&LIFESTYLE DI BLOGO