Chirurgia estetica: le donne la scelgono per fare carriera

Il 67% delle donne italiane ricorre alla chirurgia estetica per avere più chance nella carriera lavorativa. E' quanto emerge dal Focus Group ''Express Yourself'" presentato a Roma al Villa Borghese Institute.

Il campione preso in esame era composto da 100 donne fra i 18 e i 60 anni. Un'intervistata su sei ha ammesso di ricorrere a botulino e filler per il ringiovanimento estetico, senza problemi, e di condividere serenamente l'esperienza con le amiche. Due donne su tre ricorrono al chirurgo plastico, anche con altri interventi.

Per il 50% di queste donne la bellezza estetica è uno dei valori importanti della vita. Per il 67% di questo campione, uno dei motivi per cui la bellezza è un valore è il lavoro: essere più belle favorisce la carriera, secondo le donne intervistate.

L'unico tabù, l'unica nota stridente nel binomio bellezza-chirurgia estetica è l'aspetto "finto": il ritocco è infatti ammesso soltanto se appare il più naturale possibile.

Certo è triste pensare che la bellezza serva forse più dell'intelligenza per fare carriera, ma è inutile mentirsi in certi contesti è davvero così; se poi per raggiungere questa bellezza c'è bisogno del chirurgo, le donne italiane non disdegnano certo. Anche perchè forse l'estetica non sarà tra i valori veramente significativi di una vita, ma la cura del proprio aspetto non solo è importante, è anche se "usata con cautela", un modo per sentirsi bene con se stesse.

Via | Asca

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail