La scienza è un gioco da ragazze e l'Europa ricerca scienziate

donne scienziato

Donne scienziato cercasi in Unione Europea. La Commissione Europea, infatti, ha recentemente lanciato una campagna per invogliare giovani ragazze ad intraprendere la strada della ricerca, soprattutto in quei settori tecnologici solitamente occupati da personale prettamente maschile.

Disinformazione e anche un po' di discriminazione nei confronti delle donne sono i fattori che spesso lasciano fuori il gentil sesso da determinati campi di ricerca. Per questo la Commissione Europea ha lanciato la campagna “Science: it's a girl thing!" (tradotto in italiano in “La scienza: un gioco da ragazze!”): campagna rivolta alle ragazze di Austria, Germania, Italia, Olanda, Polonia.

Ma in cosa consiste?

La campagna è rivolta a giovani studentessa con età compresa tra i 13 e i 18 anni, per aumentare le quote rosa in settori scientifici che solitamente sono completamente occupati dai maschi. Un progetto per combattere gli stereotipi di genere, che riguardano, purtroppo, ogni settore della nostra vita, anche il lavoro.

L'Europa ha bisogno di più ricercatori, per sostenere la sua economia e anche per essere competitiva in ogni settore a livello internazionale. In ogni campo c'è bisogno di nuove, giovani mente, che sappiano studiare ogni giorno nuovi sistemi per rendere la vita migliore per tutti. Si stima, infatti, che entro il 2020 il Vecchio Continente avrà bisogno di un milione di ricercatori in più.

Vista l'esigenza, nasce da sè la necessità di avere anche molte ricercatrici, anche perché le donne sono più della metà della popolazione studentesca europea, quindi un bacino di utenza ricco dal quale attingere possibili menti.

La fascia d'età non è stata scelta a caso, dal momento che proprio in quegli anni si differenziano notevolmente la scelta di studi dei ragazzi e delle ragazze. Intervenire per proporre nuove strade di studio è molto importante, anche perché recenti ricerche hanno dimostrato che gruppi eterogenei di ricerca, che comprendano menti femminili e menti maschili, sono più efficenti!

Foto | Getty Images

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail