Tutte le tecniche fai da te da imparare per le emergenze in casa

Le mura domestiche non sono sempre il luogo più sicuro in cui stare: la casa nasconde molti pericoli e quando succede qualche incidente casalingo è bene imparare poche ma semplici tecniche fai da te per le emergenze, soprattutto se ci sono bambini. Innanzitutto è importante conoscere l'ambiente in cui si vive: è bene sapere dove si trovano gli interruttori generali del gas, della corrente elettrica, dell'acqua e che la cassetta del pronto soccorso sia accessibile a tutti (meno che ai più piccoli). Se la prevenzione è il primo passo per evitare incidenti domestici (come non far avvicinare i bambini alla cucina mentre si sta cucinando e facendo attenzione anche quando si stira), bisogna tuttavia essere pronti ad ogni evenienza.

Per le scottature (da forno, acqua bollente, olio bollente, altri elettrodomestici) è necessario raffreddare immediatamente con acqua fredda la parte ustionata, rimanendo per almeno 15 minuti sotto il getto d'acqua; se la scottatura è superficiale basterà applicare della crema al cortisone e coprire la parte lesa con una garza sterile, se coinvolge più strati di pelle raffreddare, coprire con una garza sterile e poi andare al pronto soccorso. Se i vestiti sono rimasti attaccati alla zona ustionata non toglieteli, potreste solo peggiorare la situazione.

Se avvertite odore di gas in casa non accendete per nessun motivo le luci, non staccate le prese di corrente degli apparecchi elettrici (possono provocare scintille) non mettete in moto nessuna apparecchiatura elettrica né il telefono e affrettatevi ad aprire porte e finestre per areare i locali; verificate che il piano cottura e interruttore principale siano spenti e se la fuoriuscita persiste allontanatevi da casa e chiamate i vigili del fuoco.

In caso di traumi applicare immediatamente del ghiaccio sulla parte colpita, tranquillizzare la persona o il bambino traumatizzato e se necessario rivolgetevi al pronto soccorso, soprattutto se la botta riguarda la testa. Se il vostro bambino ha ingerito piccoli oggetti non fatevi prendere dal panico: tenete sotto controllo le feci e se non viene espulso entro 2-3 giorni rivolgetevi al medico. Se invece ha ingerito dei prodotti tossici come detersivi capite l'entità dell'incidente e poi rivolgetevi al medico. Più di ogni altra cosa ciò che vi verrà maggiormente in aiuto è il sangue freddo, uno stato d'animo ansioso o agitato non vi permetterà di pensare al da farsi, quindi è bene mantenere il più possibile la calma.

Foto | Getty

  • shares
  • Mail