La ricetta delle lenticchie e cotechino in umido


Cosa c’è di più classico delle lenticchie con il cotechino? Se avete previsto, dopo qualche giorno di stop per riprendervi dalle abbuffate di Natale, di mettere in tavola questo piatto per Capodanno, eccovi la nostra ricetta. Considerate che le lenticchie non sono solo buone, ma anche augurali. Si dice portino soldi. Come prepararle: lasciate in ammollo la notte prima le vostre lenticchie secche e poi la mattina sciacquatele bene.

Ora fate un bel trito di carote, una gamba di sedano e cipolle (un paio di carote di media grandezza e una cipolla bianca). Fate dorare il vostro soffritto con un filo d’olio. Aggiungete le lenticchie ben scolate e tostale per insaporirle. A questo punto aggiungete anche il l pomodoro a pezzettoni (i pelati sono perfetti) o della passata. Mescolate e coprite con del brodo vegetale. Il tempo di cottura è lungo.

Considerate che ci vorrà, a seconda della qualità delle lenticchie, 45 minuti/un’ora. Durante la cottura potete aggiungere sempre del brodo (anche fatto con il dado) o dell’acqua tiepida. Il cotechino va invece lessato a parte. Quelli precotti si buttano in acqua calda con il loro involucro, mentre quelli freschi vanno bucherellati con uno stuzzicadenti e avvolti in lenzuolini di lino e poi fatti bollire a fuoco lento per lungo tempo. Anche in questo caso, ci vorrà più di un’ora. Per certi versi, è tutto molto facile e si può lavorare in parallelo. Prima preparate il cotechino e poi durante la cottura cucinate le lenticchie.

Una volta pronto, dovete far riposare il cotechino nella sua acqua. Poi lo tirate fuori, lo tagliate a fette e lo distribuite su un letto di lenticchie, affinché prenda bene il sapore.

Foto| Flickr

  • shares
  • Mail