20-30-40: contare in un forum al femminile


A Bologna, sabato 19 maggio si fa il punto sulle donne e ci si pone qualche domanda: dall’incremento dei casi di violenza sulle donne allo sterile dibattito sulla famiglia e non sulle famiglie, dall’inconsistente rappresentanza politica fino alla precarietà, le giovani donne hanno sempre meno sicurezze: personali, lavorative, collettive. Se le nostre madri sono figlie del baby boom, noi possiamo definirci figlie del baby boomerang? Molta parte dell’identità delle donne oggi passa attraverso le ambizioni lavorative.
Ma se il lavoro è precario, lo è anche l’identità? E poi quale politica fanno le donne? Quelle poche volte che gestiscono il potere, quali possibilità hanno di creare rinnovamento? Dov'è finito il femminismo?

Gli interrogativi sono molti, le risposte ancora poche. Da questi punti di partenza un forum sul confronto generazionale (da qui il nome 20-30-40) per stimolare il dibattito intra e intergenerazionale tra singole, gruppi, collettivi, associazioni e cooperative di donne su alcuni temi specifici che attraversano le pratiche politiche e le concrete esperienze di vita di donne diverse non solo per età. un appuntamento interessante che si colloca nel quadro delle iniziative nate durante l'anno delle pari opportunità.

Lo scopo di questa iniziativa e del percorso a cui essa intende dare vita è quello di creare uno spazio pubblico di parola per le giovani donne, spostando il dibattito da un confronto dicotomico, inevitabilmente conflittuale, a una riflessione sul presente e sulle prospettive future, da punti di vista diversi, ognuno collegato a una storia, sia essa individuale che collettiva.

L’idea essenziale è che le donne ci sono e prendono parola, esprimendo vissuti, esperienze, età, problemi e bisogni diversi, con il desiderio di confrontarsi e dibattere. Perché non accettiamo l’omologazione, la logica dell’indifferenza e dell’opposizione.

Interverranno:
Simona Lembi, Assessora Cultura e Pari Opportunità della Provincia di Bologna
Paola Manzini,Assessora Scuola, Formazione professionale,
Università, Lavoro, Pari Opportunità della Regione Emilia Romagna
Lina Fibbi, partigiana e fondatrice dei Gruppi di Difesa della Donna
Barbara Mapelli, docente di Pedagogia delle differenze di genere
presso l’Università degli studi Milano-Bicocca
Grazia Verasani, scrittrice

Partecipano le associazioni (pdf):
Cooperativa Be Free - Roma
Collettivo Priscilla - Verona
Ass. Comunicattive - Bologna
Ass. Genderazione - Bologna
Ass. Orlando - Bologna
Ass. Sexy Shock - Bologna
Laboratorio Sguardo sulle differenze - Roma
Libera Società degli Studi delle Donne
Rete Sui generis
Sconvegno – Milano

Riferimenti:
Ore 10.30 – 13.30
Sala dello Zodiaco
Provincia di Bologna, Via Zamboni 13, Bologna
www.203040.it

  • shares
  • Mail