Spogliarello casalingo: come doveva svestirsi una donna nel 1937

school of undressingUno spogliarello sexy da dedicare al proprio compagno è ancora qualcosa di insolito per alcune, ma nulla di troppo lontano da una divertente abitudine per molte altre. Se le regole per spogliarsi in modo da accendere la passione e risvegliare anche i sensi di chi è imbambolato davanti alla Playstation o alla partita possono tornare utili, possono essere divertenti anche quelle che, al contrario, consigliavano di spogliarsi solo in un certo modo davanti al proprio marito, per mantenere un decoro che persino in camera da letto andava preservato (con che esiti poi… chissà).

Le immagini che vedete in gallery fanno parte di un servizio pubblicato nel 1937, proprio in Febbraio. Forse voleva suggerire qualche consiglio per la sera di San Valentino? Il servizio, apparso su Life, si intitolava “Allen Ginberg School of Undressing” e suggeriva cosa fare e cosa evitare mentre ci si spogliava prima di andare a letto.

A distanza di tanto tempo ci appare un po’ ridicolo e un po’ tenero pensare a quali problemi potessero porsi le nostre nonne davanti al letto coniugale e al proprio marito. È singolare anche immaginare che a fare la dimostrazione durante il “corso” sia stata un’ex-spogliarellista di burlesque, tale June St. Clair. Nessuna donna di morigerati costumi avrebbe certo acconsentito (né suo marito).

Via | Pophangover

School of Undressing su Life Febbraio 1937
School of Undressing su Life Febbraio 1937
School of Undressing su Life Febbraio 1937

School of Undressing su Life Febbraio 1937
School of Undressing su Life Febbraio 1937
School of Undressing su Life Febbraio 1937
School of Undressing su Life Febbraio 1937
School of Undressing su Life Febbraio 1937

  • shares
  • Mail