Il procuratore di Bergamo alle donne: "Non uscite da sole". Ed è polemica

Bergamo di notte

Le donne non dovrebbero mai uscire la sera se non accompagnate da qualcuno. Questa soluzione choc ai tanti casi di violenza sulle donne registrati negli ultimi giorni arriva da Francesco Dettori, Procuratore capo di Bergamo, città protagonista nelle ultime ore di un caso di violenza sessuale ai danni di una giovane ragazza che ha fatto notizia a livello nazionale.

Il procuratore capo di Bergamo si è espresso con parole poco ragionate, a mio parere, su un caso che riguarda una giovane ragazza di 24 anni, incinta, violentata nel pieno centro della città, nel quartiere di Borgo Santa Caterina, da un ragazzo kosovaro che da dieci anni risiede a Bergamo. Francesco Dettori ha sottolineato come sarebbe meglio se le donne non uscissero di casa da sole la sera, per evitare fatti di cronaca come questi.

Parole che hanno sollevato un polverone mediatico e politico.

Come sempre a rimetterci sono le vittime: al posto di intensificare la sicurezza in città, per permettere a tutti di vivere serenamente, ecco la soluzione di Francesco Dettori, procuratore capo di Bergamo, svelata in occasione di un'intervista rilasciata all'Eco di Bergamo:

Lo dico con tutto il rammarico, ma sarebbe bene che le donne di sera non uscissero da sole.

Ovviamente il caso ha sollevato lo sdegno di entrambi le parti politiche, per una volta d'accordo su un tema tanto delicato quanto la violenza sessuale ai danni delle donne. Elisabetta Olivari, candidata alle elezioni regionali del Pd, chiede al procuratore se sta suggerendo alle donne bergamasche di stare a casa, di non partecipare ad incontri, corsi o appuntamenti di lavoro che potrebbero causare un rientro a casa di sera.

Da Lei, dalle forze dell’ordine, dai rappresentanti delle Istituzioni e da tutti coloro che hanno un ruolo (e una responsabilità!) noi donne vorremmo sentire ben altre parole. Parole che devono contribuire, insieme ai fatti, a creare una cultura condivisa basata innanzitutto sul rispetto, 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno. Questo per me significa: promuovere – anche dando un peso alle parole – una cultura basata sulle pari opportunità; costruire città vivaci, illuminate, pulite (sì, pulite!); incoraggiare in ogni modo possibile il senso di comunità che ci fa sentire, tutti, responsabili del bene comune; garantire alle forze dell’ordine le risorse adeguate per essere presenti sui nostri territori.

Dello stesso parere anche Matteo Oriani, consigliere provinciale Pdl, che sottolinea come la dichiarazione di Francesco Dettori ha lasciato tutti senza parole: lui che si dovrebbe occupare della pubblica sicurezza non può permettersi affermazioni del genere, anche perché suggerendo alle donne di uscire di casa sotto scorta la sera si ammette un fallimento del proprio ruolo. Bisognerebbe, prosegue il politico, investire sulla sicurezza:

È necessario reagire con forza e migliorare la sicurezza: con più forze dell'ordine a Bergamo, con maggiori controlli, con pene più severe e certe per chi compie reati.

Chissà che non cambi idea il procuratore di Bergamo!

Foto | Flickr

Via | Corriere di Bergamo

  • shares
  • Mail