Sondaggio: usate gli autoabbronzanti?

self tanLe conseguenze derivanti da un prodotto poco performante e da un’applicazione poco esperta possono essere tante, ma su tutte si notano con effetti davvero antiestetici le macchie da leopardo e il colorito tendente all’arancio. Se però l’autoabbronzante, quale che sia la formulazione che più vi piace, si stende con cura, dopo uno scrub della pelle e con cadenza costante l’effetto dovrebbe essere quello di un’abbronzatura leggera, uniforme e sana pur senza essersi esposte un solo minuto al sole.

Resta il fatto che non si tratta di vera abbronzatura, che non si può prescindere dalla protezione una volta che vi esporrete al sole vero, che dopo qualche giorno direte addio al colorito artificiale che se ne va già nello scarico della vasca da bagno. Nonostante gli svantaggi potenziali e quelli inevitabili, gli autoabbronzanti sembrano essere sempre più gettonati.

Mi dicevano pochi giorni fa in profumeria che le vendite sembrano essersi impennate, specialmente in vista delle molte cerimonie di primavera cui si comincia a partecipare con abiti più leggeri e scollati con il desiderio di apparire meno slavate. Quante di voi utilizzano regolarmente gli autoabbronzanti? E lo fate in preparazione all’estate e per mantenere il colorito sano o solo una tantum, quando ritenete di aver bisogno di un po’ di colore? Sul viso o su tutto il corpo?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail