La verginità all'asta in un reality show


Ci giungono dall'estero notizie sempre più frequenti riguardo a programmi e reality televisivi che sfiorano quasi l'assurdo; ultimo, ma non ultimo della stravagante lista, il nuovo reality che mette in palio la verginità dei concorrenti (indistintamente uomini o donne) al miglior offerente. Si presumeva succedesse in Australia (ne hanno parlato i nostri cugini di Tvblog), ma no, probabilmente il reality si farà negli USA, perchè dall'altra parte del mondo l'ideatore e produttore dello show sarebbe stato accusato di induzione alla prostituzione.

Negli USA invece pare sia tutto legale. La base d'asta per ogni concorrente sarà di 20mila dollari, i rialzi saranno fatti online, ma nella fase conclusiva i migliori offerenti compariranno nel programma per saggiare con mani e occhi la qualità della "merce" scelta per l'acquisto. Il documentarista Justin Sisley sta già provinando tantissimi potenziali concorrenti. Ma qui le domande e i dubbi si fanno numerosi.

Innanzitutto, il quesito principe ronza in testa anche a noi: va bene il trash, va bene lo show, ma questa sfacciataggine impertinente non arriva a sfiorare veramente la prostituzione? Vero anche che i concorrenti sono perfettamente consenzienti, ma a questo punto non vedo la differenza di obiettivo tra questo show e le potenziali immagini prese dalle videocamere posizionate mesi fa sulla Salaria (a Roma). La tv si trasformerebbe però in questo modo in un mercato che veicola la vendita legale e legalizzata del proprio corpo, pur di raggranellare qualche soldo (e in quanti probabilmente lo farebbero, sentendosi legittimati dalla bocca della verità-tv, intravedendo magari la speranza di pagarsi gli studi e non riuscendo a comprendere invece lo squallore intrinseco della questione).

Le altre domande sono tutte più banali: quanti anni hanno questi concorrenti? Quanti maggiorenni risultano ancora vergini al giorno d'oggi? E se proprio vogliamo parlare di regole, chi assicurerà la veridicità della presunta illibatezza dei concorrenti? Ci saranno medici in studio ad effettuare esami approfonditi, che mi ricordano tanto quelli che si facevano sulle presunte streghe al tempo dell'Inquisizione per trovare i segni del diavolo? Quali motivi spingerebbero giovani ragazzi e ragazze a partecipare a un programma del genere, togliendo di colpo tutto il valore dato per anni a una cosa come la verginità? Bisogno di soldi o voglia di notorietà? Ultimo quesito: se questo reality andrà veramente in onda, arriverà mai nel nostro Paese?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail