I piatti tipici di Carnevale regione per regione

piatti tipici di Carnevale

Quali sono i piatti tipici del Carnevale? Come sempre ogni regione ha il suo modo di festeggiare una festa tanto importante come quella che prevede maschere, travestimenti, coriandoli, stelle filanti e, quel che più conta, tanto divertimento. Da Nord a Sud sono diverse le ricette che possiamo portare sulle nostre tavole in occasione di Giovedì Grasso e di Martedì Grasso.

Se avete organizzato una festa di Carnevale a casa e volete fare bella figura portando in tavola ai vostri ospiti dei piatti tipici delle regioni italiane, ecco a voi un bel viaggio tra i sapori dolci e i sapori salati che la tradizione gastronomica del nostro bel paese, famoso in tutto il mondo anche per la sua ottima cucina, ci propone.

Se le chiacchiere di Carnevale sono una ricetta che valica i confini regionali a Carnevale, ecco i prodotti tipici di ogni terra:

Piatti tipici di Carnevale della Campania

struffoli

Gli struffoli sono il dolce tipico della Campania, per le feste di Carnevale. Si preparano con questi ingredienti: 600 grammi di farina, 4 uova, 1 tuorlo, 2 cucchiai di zucchero, 80 grammi di burro, 1 bicchierino di rum, la scorza grattugiata di mezzo limone, 1 pizzico di sale, olio per friggere, 400 grammi di miele, confetti colorati. Impastate la farina con le uova, il burro, lo zucchero, la scorza del limone, il rum e il sale. Fate riposare la palla di impasto per mezz'ora, lavoratela e dividetala in palle grandi come un'arancia, da cui ricaverete dei bastoncelli, che andranno tagliati a tocchettini. Andate a friggerli in olio bollente. Fate sciogliere il miele a bagnomaria e aggiungetelo agli struffoli fritti con i confetti colorati.

Piatti tipici di Carnevale della Sicilia

mpagnuccata

Anche la Sicilia ha i suoi struffoli, che si chiamano, però, mpagnuccata, un piatto tipico siciliano che si prepara sbattendo 4 uova intere, aggiungendo tanta farina di grano duro per ottenere un impasto omogeneo. Formate dei bastoncini che dovrete tagliare a pezzetti. Fate sciogliere 4 cucchiai di miele, aggiungete 3 cucchiai di zucchero e quando prende bollore unite i pezzi di mpagnuccata. Girateli, copriteli con un coperchio e cuocete a fiamma sostenuta, girando di tanto in tanto. Quando i pezzetti si aprono, abbassate il fuoco e continuate la cottura. Saranno pronti quando saranno dorati: a questo punto unite la scorza di un limone grattuggiato e servite su foglie di limone lavate e asciugate.

Piatti tipici di Carnevale della Basilicata

taralli

I taralli al naspro sono, invece, il piatto di Carnevale tipico della Basilicata. Si preparano mettendo 5 uova, 1 pizzico di sale, 1 pizzico di zucchero, un po' di liquore all'anice dentro il mixer, per ottenere una pasta liscia e omogenea, che andrà tagliata a pezzetti a forma di ciambelle. Si infornano a 180 gradi finché non sono dorati. Il naspro che va versato sopra si realizza con un bicchierino di acqua, 250 grammi di zucchero, la scorza e il succo di mezzo limone.

Piatti tipici di Carnevale dell'Abruzzo

cicerchiata

Un dolce tipico dell'Abruzzo, ma più in generale di tutto il Centro Italia (Marche, Umbria e Lazio) è la cicerchiata, che si realizza in questo modo. Impastate insieme 2 uova, 200 grammi di farina, 2 cucchiai di zucchero, 1 cucchiaio di vaniglia, 1 di miele, 500 cl di olio di semi, formate dei bastoncini e tagliateli a pezzi piccoli, come degli gnocchi. Friggeteli in olio di semi e quando saranno dorati scolateli. Da parte fate sciogliere il miele con mezzo cucchiaio di acqua e versate il composto sopra la cicerchiata. Il piatto va servito freddo con frutta condita o confettini colorati.

Piatti tipici di Carnevale di Venezia

fritola veneziana

La fritola veneziana è il piatto tipico della città lagunare per Carnevale. Fate sciogliere 12 grammi di lievito di birra con acqua tiepida e zucchero. Versate un po' di grappa o rum e incorporate 200 grammi di farina. Lavorate l'impasto e fate lievitare, coprendo con un panno. Incorporate poi 40 grammi di uva passa, 40 grammi di cedrini canditi tritati e 40 grammi di pinoli. Fate friggere in olio bollente e scolate le frittelle mettendole su carta assorbente. Vanno servite calde con lo zucchero a velo sopra.

Foto | Flickr, Flickr, Flickr

Via | Alicetv

  • shares
  • Mail