Il Carnevale a Sciacca, la storia della città e cosa vedere

Tra le numerose feste sparse per lo stivale, il Carnevale di Sciacca è uno delle manifestazioni più conosciute e da non perdere del mese di febbraio. I carri allegorici e mini carri che sfilano per le vie della città vengono ideati, progettati e realizzati nei mesi antecedenti la festa, coinvolgendo, sin dai primi preparativi, molta gente del posto. Protagonista del Carnevale è Peppe Nappa, personaggio adattato dai saccensi come maschera locale che apre e chiude il fastoso carnevale.

Oltre a trascorrere momenti di svago e di divertimento tra i festeggiamenti carnevaleschi, a Sciacca troverete luoghi di interesse naturalistico e culturale da visitare. È una città di mare, turistica e termale: è situata a forma di anfiteatro sul mare a mezzogiorno della Sicilia, di fronte all'isola di Pantelleria e Tunisi, a metà strada tra le rovine di Selinunte, Eraclea Minoa ed Agrigento. Tra i monumenti e le opere di interesse artistico non possono mancare alla vostra visita l'antica Cappella di San Giorgio dei Genovesi, la Chiesa di San Domenico e il suo Convento, il Duomo e le Stufe naturali, un antiquarium che conserva le testimonianze rinvenute all'interno delle grotte di San Calogero risalenti al neolitico.

Merita una visita anche il Castello Incantato, caratterizzato da una galleria con centinaia di volti scolpiti nella roccia e sugli alberi e l'Isola Ferdinandea, situata a circa 26 miglia marine dalla costa di Sciacca, che costituisce la bocca di un vulcano sommerso. Senza dimenticare i centri termali, perfetti per un week-end all'insegna del benessere e del relax, e le numerose proposte enogastronimiche della zona, che vi faranno amare ancora di più la Sicilia.

Foto | Getty Images

  • shares
  • Mail