Ferragosto, vampiro mio non ti conosco. Una quarantenne alle prese con Twilight. Parte prima.

Robert Pattinson

E va bene, Robert Pattinson è carino (lo so, mitico e meraviglioso per alcune di voi, ma tenete presente che ho quaranta, dico 40 anni) e i tormenti che noi ragazze/donne abbiamo provato nell'adolescenza, magari un po' diversi, magari con piglio più sostenuto, ci sono tutti. Però, c'è un però. Non allarmatevi e non mettetevi sul piede di guerra, se siete fan di Twilight, perché non ho intenzione di promuovere nessuna crociata contro la saga.

Il mio "però" è molto personale. Fino a un anno fa avrei letto il libro e guardato il film, avrei trovato carini i protagonisti, avrei discusso del valore del prodotto cinematografico e basta. Cosa è cambiato quest'anno? Ho compiuto quarant'anni. Ero convinta che mai e poi mai il mio animo da ragazza sarebbe crollato giù per la verticale, invece è successo. Ammettiamolo, quarantanni e un figlio possono avere un'azione devastante sul tuo immaginario erotico e anche su alcune licenze letterarie, specie se hai una figlia.

Le ho provate tutte, ma non sono riuscita a non pensare che un giorno al posto di Bella potrebbe esserci lei e allora sono cominciati i problemi. Edward non è un giovanotto affascinante e meraviglioso: è un ultracentenario che mette le mani su una di diciassette anni, siamo forse impazziti?

Ho cercato disperatamente di cacciare dalla mia testa questi pensieri, cercando di ritrovare dentro di me le tensioni di Bella, la sua paura di non piacere, il suo essere insieme fragile e forte, dolce e passionale cresce. Ho persino provato a mettermi nei panni di Edward: io non sarei stata capace di resistere. Puoi baciare una patatina fritta invece di morderla subito?

Devo ammettere che Pattinson a torso nudo, in New Moon, è riuscito a distrarmi un bel po' e per qualche istante mi sono trovata anche io a chiedermi: con chi sarei uscita, con Edward o Jacob? Jacob ha forse meno fascino, ma è più prorompente, caldo (letteralmente, visto che non è un vampiro), passionale. Voi chi avreste scelto?

Il dilemma dell'età di Edward continuava però a rodermi il cervello. Non si poteva risolvere diversamente la questione? Ad esempio, Bella non poteva incontrare Edward proprio subito dopo la trasformazione quindi quando ancora aveva, davvero, diciassette anni? Se lui l'avesse trasformata proprio allora, in modo da essere praticamente coetanei e vivere sempre felici e contenti, come sarebbe andata? Se volete sapere quanto incide l'età sulla mia immaginazione seguitemi nel post di domani.

Foto | Cineblog

  • shares
  • Mail