La dieta non conosce ferie: come comportarsi al rientro dalle vacanze

Pancia con scritta: riots not diets
Stamattina sono andata in edicola per tirarmi su il morale. Ho comprato una rivista femminile, ma c'era un allegato che mi ha sconfortata immediatamente: si parlava delle diete da fare al rientro dalle vacanze. Ma come? Di già? Non eravamo appena uscite dal tunnel della dieta per superare la prova bikini?

Mi sono fatta due conti: se parto con la dieta del rientro e tengo duro fino a novembre, poi comincerò con la dieta per prepararmi alle abbuffate di Natale, cui seguirà quella per smaltire i chili presi in più a causa delle vacanze di dicembre. Giusto un mese e mezzo due e si ricomincia con Pasqua, per procedere con la disintossicazione primaverile, in attesa della dieta per la prova bikini.

Comincio finalmente a capire quello che i medici ribadiscono da tempo: non si può procedere di dieta in dieta. E' triste, affannoso, come una corsa a ostacoli in cui non vince nessuno tranne la mia cellulite e la mia voglia di gelato. Perciò ho deciso: da domani niente dieta. Preferisco mangiare correttamente tutto l'anno e godermi pasta e pizza. Sempre meglio un piatto di verdura e un po' di moto in più che l'ansia da disintossicazione ventiquattr'ore su ventiquattro.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail