Stalking da record: ragazzo molesta la sua ex più di 2000 volte in una settimana

Stalking da record: un ragazzo molesta la sua ex più di 2000 volte in una settimana Sarà che in Italia è stato introdotto, come reato nel Codice Penale da non molto (dal febbraio 2009), ma le notizie sui casi di stalking, si susseguono incessantemente, non solo dalle nostre parti.

A questo proposito c'è qualcuno che negli States ha stabilito un record. Un giovane, che aveva appena interrotto la relazione, ha ripetutamente contattato la sua ex-fidanzata per un totale di oltre 2.000 volte in una settimana, chiedendole incessantemente di tornare con lui.

Il ventisettenne Jason Annis, ha bombardato la sua ex ragazza con centinaia di chiamate e messaggi di testo dopo che lei lo aveva lasciato per un'altra persona. Nel periodo di otto giorni l'ha chiamata 1.046 volte e le ha inviato più di 630 sms. Le ha inoltre inviato più di 350 messaggi su Facebook. Il giudice distrettuale Paul Farmer ha detto che il caso è stato "unico" per il numero di chiamate e messaggi di testo, e ha affermato: "Ho visto molti casi di questo tipo prima, ma mai ho visto qualcuno ricevere un tale quantità di chiamate e messaggi."

Il volume di contatti preoccupa parecchio, e lo stato della mente del molestatore ancora di più. Nel rapporto che riguarda lo stalker è chiaro che il ragazzo ha bisogno di aiuto. La corte ha ascoltato Annis e la donna (che ha voluto mantenere l'anonimato) che hanno avuto un figlio insieme, ma il cui rapporto è stato di breve durata e si è concluso alla fine del 2008. Sono tornati di nuovo insieme, ma il rapporto si è nuovamente interrotto, ed è allora che il molestatore ha iniziato la sua opera ai danni della vittima. Il responsabile della difesa, Stephen Walker, ha detto che Annis aveva "problemi radicati" e ha richiesto di considerare un programma di riabilitazione. Annis è stato così condannato a frequentare il programma.

Tenace, il ragazzo. Meno male che è stato fermato in tempo prima che l'ossessione si potesse trasformare in violenza vera e propria. E questo ai danni delle donne accade spesso.

Via | Swns
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail