La depilazione fa perdere la verginità: poi non dite che non vi avevamo avvisato

Scommetto che molte di voi questa non l'avevano ancora sentita. Eppure grazie al solito giro di telefonate tra amiche e ai ricordi che siamo riuscite a mettere insieme è emerso quanto segue: alcune mamme lasciano che le proprie figlie vadano in giro come piccole scimmie anche a quindici anni, per evitare la depilazione. L'esortazione più comune è: che bisogno hai di fare la ceretta, usa un po' di acqua ossigenata e fai diventare i peli biondi così nessuno li nota.

Nessuno? Per quanto in Brasile possa andare di moda la così detta pioggia dorata ovvero peli in abbondanza, ma decolorati, qui da noi non è che una ragazza si senta a proprio agio se non si è liberata davvero del piumaggio prima di mettere una gonna. Ma tant'è. Andiamo avanti.

Ci siamo chieste per anni perché ci fosse tutta questa resistenza alla depilazione e abbiamo scoperto che depilarsi le gambe era, secondo molte madri e padri, simbolo di disponibilità sessuale. In realtà non si rendevano neanche conto di pensarla così, non sapevano darci infatti spiegazioni plausibili. Secondo loro non si poteva fare e fine della storia.

Non parliamo poi della depilazione inguinale. Alcune ragazze dovevano farla di nascosto perché evidentemente, a meno che tu non stia per andare al mare (e anche lì, perché non scegli un costume poco sgambato?) è segno che stai per fare sesso.

Quindi siamo di fronte a due diversi luoghi comuni: la verginità va mantenuta fino a dopo le nozze; le donne non si prendono cura di sé per piacersi, ma solo per piacere a qualcun altro o per meglio spendersi nel mercato degli scapoli. Il che spiega anche perché molte donne, una volta, dopo essersi mantenute in forma per tutta la durata del fidanzamento, dopo matrimonio e gravidanza si lasciavano andare alla grande.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail