Sex toys cristiani: piccanti o sacrileghi?

holy bibleSono stati creati con il non troppo recondito scopo di fare clamore, suscitare scandalo, stuzzicare il dibattito, seppure a infimi livelli. Hanno scatenato le ire di molti cattolici, ma anche la corsa all’acquisto da parte di chi ci trova non sacrilegio ma il gusto piccante della trasgressione. Sono i sex toys di ispirazione religiosa e a chiunque appartenga ad una generazione abbastanza “datata” da ricordare Uccelli di rovo forse risulteranno meno invisi.

Ciascuno prenderà la posizione che più ritiene opportuna rispetto al proprio modo di intendere religione, spiritualità e sfera sessuale, ma a titolo d'esempio va notato che a scandalizzarsi per l’eccesso di ammiccamenti sessuali commisti a spunti religiosi è Katy Perry – indignata per certi atteggiamenti di Lady Gaga – che nei suoi video se ne va in giro nuda occhieggiando con fare esplicito alla telecamera. Si vedono solo i difetti altrui.

Da dove vengono questi sex toys? Da uno shop online chiamato Book 22 (un libro della Bibbia) e segnalato da Huffington Post. Vende più o meno ciò che si può trovare in qualunque sexy shop del mondo ma – avvisa un sottotitolo – solo per coppie rigorosamente sposate. Se sia solo uno strumento di marketing per sollecitare i pruriti di chi cerca il proibito non è dato sapere… voi che ne dite?

Via | YourTango

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail