Oscar Pistorius accusato dell'omicidio di Reeva Steenkamp passa la notte in galera

Reeva Steenkamp e Oscar Pistorius prima della tragedia

Oscar Pistorius, l'atleta sudafricano accusato di aver ucciso la fidanzata, la modella Reeva Steenkamp, è stato arrestato e dovrà rimanere in cella almeno fino al 19 febbraio, data in cui è stato fissato, dai giudici del tribunale di Pretoria, il processo. E solo martedì prossimo sarà presa in esame la richiesta di libertà su cauzione, avanzata dai difensori del corridore. Non è tutto. Secondo quanto si è appreso, l’accusa ha annunciato che il ragazzo dovrà rispondere di omicidio premeditato, e non volontario.

L’atleta questa mattina è apparso visibilmente in stato di choc e, in lacrime, ha mantenuto la testa bassa per tutta la durata dell’udienza, mentre il fratello e il padre hanno cercato più volte di confortarlo. La posizione di Pistorius è davvero grave, ma la vicenda è ancora tutta da ricostruire e ci sono tantissime zone d’ombra da chiarire. Oggi verrà eseguita l’autopsia su Reeva Steenkamp, ma i risultati non saranno resi pubblici.
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta

Secondo quanto è stato in grado di spiegare il quotidiano locale Beeld, Pistorius avrebbe sparato dalla porta del bagno 4 colpi di pistola con una calibro 9. La Polizia era stata avvisata, già prima degli spari due volte verso le 2 del mattino e poi alle 3, dai vicini di casa a causa di una violenta discussione tra i fidanzati (insieme solo da novembre scorso). Secondo la polizia, la modella è morta sul colpo verso le 4.

È stata così smentita la tesi che la ragazza fosse andata da Oscar per una sorpresa di San Valentino, che però troverebbe conferma nel Tweet lanciato dalla ragazza in cui chiede ai suoi follower come sorprendere Oscar per la festa degli Innamorati. Pistorius continua, invece, a sostenere che sia stato un errore: credeva fosse un ladro e ha sparato per difesa. Pretoria è una città con un tasso di criminalità altissimo, ma la residenza dell’atleta è collocata all’interno di in un comprensorio super blindato e in passato, purtroppo, la Polizia era già stata contattata per episodi di natura domestica (definizione che fa presupporre atti di violenza).

Intanto la vicenda ha sollevato lo stupore del mondo intero. Oggi il tribunale di Pretoria è stato assalito da giornalisti e da curiosi, rendendo l’aula soffocante.
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta
Reeva Steenkamp, foto della modella morta

Via | Corriere

  • shares
  • Mail