Il linguaggio del corpo: la posizione della testa comunica qualcosa all'altro sesso

Secondo uno studio pubblicato su Evolutionary Psychology, l'inclinazione che diamo alle nostre teste comunicherebbe messaggi diversi agli interlocutori del sesso opposto. E non stiamo parlando di inclinazioni ideali (politiche, religiose, sessuali, etc), ma di inclinazioni "fisiche": la testa infatti influenzerebbe la percezione che l'altro sesso ha di noi a seconda della sua posizione.

Il Dottor Darren Burke, psicologo alla University of Newcastle di Ourimbah in Australia, sostiene che l'inclinazione della testa può rivelare meglio di altri fattori la nostra femminilità (così come la mascolinità in un uomo) e ha anche fatto alcuni esempi riguardo a quali siano le angolazioni migliori per rendersi attraenti.

Ad esempio, per le donne una leggera inclinazione della testa verso il basso, con lo sguardo rivolto verso l'alto, risulterebbe più gradita agli uomini, mentre per questi ultimi la posizione migliore sarebbe con la testa leggermente all'indietro. L'esempio più femminile proposto dal dottor Burke è la Principessa Diana, che pare mentenesse sempre un'inclinazione perfetta nelle foto che le venivano spesso scattate.

Secondo lo studioso e i suoi collaboratori, la questione si spiegherebbe con una teoria evolutiva: l'altezza differente tra uomini e donne, che vede spesso queste ultime più basse di qualche centimetro, renderebbe naturalmente più femminile la donna che guarda dal basso verso l'alto. Solita, banale, trita e presunta conferma scientifica del naturale predominio maschile?!?!

Via | BellaSugar

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail