Cosmetici e INCI: e “sai cosa ti spalmi”

L’attenzione all’ambiente, e alla saluta nostra e del mondo che abitiamo, è tema assai caldo e quanto mai attuale. Pink vuole affrontarlo anche dal punto di vista della bellezza, perché si può fare qualcosa anche facendosi belle e senza rinunciare a nulla.
Dopo avervi segnalato i cosmetici etici e aver inaugurato la rubrica del fai da te cosmetico, ci ricolleghiamo all’argomento in occasione del Live Earth 2007.

Argomento spinoso, quello degli ingredienti dei cosmetici. Che spesso utilizzano petrolati e derivati in formule purtroppo incomprensibili ai profani consumatori che non abbiano doppia laurea in chimica e cosmetologia e un’infarinatura di latino. Purtroppo al triste destino non sfuggono neanche i cosmetici cosiddetti naturali, che associano a piante officinali e ingredienti più sicuri emulsionanti, profumi e conservanti che smentiscono immediatamente, nei fatti, le buone intenzioni.

Proviamo a capire qualcosa di più, sul mistero che avvolge l’INCI.
Anzitutto, cos’è un INCI. Semplicemente la lista degli ingredienti, che per legge deve essere apposta sulla confezione di ogni prodotto cosmetico in commercio, sulla base di una convenzione internazionale che renda riconoscibili i componenti utilizzati. Eppure non basta. Perché individuare i componenti dannosi, o quanto meno non innocui, per la pelle o per l’ambiente in fase di smaltimento, è davvero ardua impresa.

Come orientarsi allora tra tensioattivi, petrolati, PEG, composti organici alogeni, DEA e MEA, profumi più o meno sintetici e allergizzanti? Arcani termini che fanno già passare la voglia di provare a capire.
Ci viene in aiuto il Biodizionario, interamente in italiano. Basta digitare il nome tecnico dell’ingrediente misterioso e scoprire il suo grado di affidabilità, con un sistema di semafori verdi e rossi assai semplice da leggere.
Prezioso e già da alcuni anni a disposizione dei navigatori anche il sito Sai cosa ti spalmi?, che comprende anche ricette, un forum, notizie sempre aggiornate e dritte interessanti.

  • shares
  • Mail