Le frasi e le citazioni più belle da dedicare per la festa della donna

L'8 marzo si avvicina e con esso il desiderio di non lasciare che questa giornata passi inosservata. E cosa c'è di più delicato di un messaggio, un biglietto, un pensiero per omaggiare madri, fidanzate, amiche, sorelle? Avventuratevi con Pinkblog nel meraviglioso mondo delle frasi celebri e delle citazioni più belle da dedicare per la festa della donna.

Iniziamo con un nome celebre del movimento per il suffragio femminile britannico, Christabel Harriette Pankhurts, figlia della ben più nota Emmeline. Una delle sue frasi più belle e sentite fu: Non dimenticate la dignità insita nella femminilità. Nessun appello, nessuna elemosina, nessun servilismo. Prendete coraggio, unite le vostre mani, state con noi, combattete con noi. Un bel modo per dire che lottare unite porta a grandi rivoluzioni e ad altrettanto grandi risultati.

Continuiamo con Virginia Woolf e con la sua visione acuta del mondo. Secondo la scrittrice: Per secoli le donne hanno avuto la funzione di specchi dal potere magico e delizioso di riflettere la figura dell’uomo ingrandita fino a due volte le sue dimensioni normali [...] Quale che sia l’uso che se ne fa nella società civili, gli specchi sono indispensabili a ogni azione violenta ed eroica. È questa la ragione per cui sia Napoleone che Mussolini insistono con tanta enfasi sulla inferiorità delle donne, perché se queste non fossero inferiori, verrebbe meno la loro capacità di ingrandire. Chissà se qualche uomo dei giorni nostri concorderebbe.

La si può amare o la si può odiare, eppure lei, Oriana Fallaci, riusciva a sondare il mondo come poche. Questi i suoi pensieri dedicati al sesso femminile, tratti da "Lettera a un bambino mai nato": Avrai tante cose da intraprendere se nascerai donna. Per incominciare, avrai da batterti per sostenere che se Dio esistesse potrebbe anche essere una vecchia coi capelli bianchi o una bella ragazza. Poi avrai da batterti per spiegare che il peccato non nacque il giorno che Eva colse la mela: quel giorno nacque una splendida virtù chiamata disobbedienza. Infine avrai da batterti per dimostrare che dentro al tuo corpo liscio e rotondo c’è un’intelligenza che chiede di essere ascoltata. Essere mamma non è un mestiere. Non è neanche un dovere. È solo un diritto fra tanti diritti.

In ultimo, citiamo due signori con le idee piuttosto chiare sul meraviglioso universo femminile. Il primo è il filosofo Charles Malik, scomparso nel 1987, che disse: Il modo più rapido per cambiare la società è quello di mobilitare le donne del mondo. Il secondo è Aristotele Onassis, il magnate greco amante di Maria Callas. Onassis di donne ne capiva e anche di affari, ecco perché coniò una frase che rimane ancora oggi celebre: Se le donne non esistessero, tutti i soldi del mondo non avrebbero senso. In barba a chi non capisce quanto siamo preziose.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail